Enea Bastianini, super accordo con Ducati: ecco cosa manca per la firma

Pernat fa una rivelazione importante sul futuro di Bastianini: la firma del pilota con Ducati potrebbe arrivare a breve. Manca un dettaglio importante.

Non c’è dubbio sul fatto che Enea Bastianini rappresenti la sorpresa maggiore dell’inizio del campionato MotoGP 2022. Nessuno pronosticava che potesse vincere tre delle prime sette gare in calendario.

Enea Bastianini (Ansa Foto)
Enea Bastianini (Ansa Foto)

Se già il successo in Qatar non era stato frutto del caso, ancora meno lo sono stati quelli negli Stati Uniti e in Francia. Si tratta di risultati frutto di un grande lavoro svolto da parte sua e del team Gresini Racing. Il matrimonio tra le parti sta funzionando benissimo, è il migliore della griglia assieme a quello tra Aleix Espargarò e Aprilia.

Il pilota riminese è a soli otto punti dal leader della classifica generale Fabio Quartararo e i suoi margini di miglioramento sono notevoli, pur avendo già dimostrato tanto. Deve certamente cercare di essere più costante, perché quando non ha vinto è arrivato al massimo ottavo al traguardo. La costanza è un fattore determinante per vincere i titoli mondiali e lui lo sa, avendone vinto uno in Moto2.

MotoGP, Pernat fa una rivelazione sul futuro di Bastianini

I risultati di Bastianini non passano affatto inosservati alla Ducati, che sta valutando se promuovere lui nel team ufficiale al fianco di Francesco Bagnaia. Se a inizio stagione sembrava essere Jorge Martin il favorito, ora la grande differenza di risultati tra i due piloti dovrebbe far pendere la bilancia a favore dell’italiano.

La cosa certa è che nei prossimi due anni il Bestia sarà ancora con Ducati. Lo ha rivelato il suo manager Carlo Pernat in un’intervista a Sky Sport MotoGP: “Con Ciabatti e Dall’Igna abbiamo concordato che Enea nel 2023 e nel 2024 avrà moto factory, sviluppi ufficiali, stipendio adeguato e la conferma di Alberto Giribuola e Dario Massarin. Non abbiamo firmato, ma ci siamo stretti la mano”.

Pernat con i vertici del reparto corse ducatista ha concordato delle importanti condizioni per il suo pilota, tasselli fondamentali per garantirgli di poter essere competitivo nei prossimi due anni. Adesso rimanere da capire in quale squadra correrà: “Ducati deve decidere se metterlo nel team ufficiale – spiega il manager ligure – o in un altro. La scelta dovrebbe essere fatta tra Mugello e Barcellona”.

Ora la palla è nelle mani di Ducati, chiamata a scegliere dove posizionare Bastianini. Il team Gresini spera fortemente di tenerlo con sé, ma comprende pure le ambizioni del rider romagnolo e non intende tarpargli le ali se desidera qualcosa di più. Vedremo cosa succederà. Certamente sarebbe bello se proseguisse il matrimonio con la struttura creata da Fausto Gresini.