Bagnaia nella storia Ducati: nessuno c’era riuscito prima

Pecco Bagnaia ha firmato la seconda pole position, guidando la doppietta Ducati sul tracciato di Le Mans. Il torinese è in estasi.

Un giro strepitoso è valso a Pecco Bagnaia la seconda pole position consecutiva, la prima in assoluto della Ducati sul tracciato Bugatti di Le Mans. Con un fantastico 1’30”450, il rider torinese è riuscito a battere Jack Miller, che si è dovuto accontentare della piazza d’onore per appena 69 millesimi.

Bagnaia (ANSA)
Bagnaia (ANSA)

La prima fila è stata completata da un eccezionale, come sempre, Aleix Espargaró, e davanti a tutti si sono così piazzate ben tre moto italiane. Si tratta di un risultato eccezionale, con Fabio Quartararo e la Yamaha che sono soltanto in quarta posizione, beffati dallo spagnolo proprio sotto la bandiera a scacchi.

Dal canto suo, Bagnaia può davvero sorridere, perché le difficoltà di inizio stagione sono ormai un lontano ricordo. Dopo il Gran Chelem di Jerez de la Frontera, il vice-campione del mondo punta al colpaccio anche in Francia, dove la Ducati ha dominato nel 2020 con Danilo Petrucci e lo scorso anno con Miller. In queste due occasioni, la pioggia diede una bella mano alle Rosse, ma l’impressione è che a queste GP22 vadano benissimo le condizioni di clima soleggiato.

Bagnaia, gioia dopo la pole position di Le Mans

Pecco Bagnaia ha commentato ai microfoni diSKY Sport MotoGP” le sue sensazioni dopo il colpaccio: “Prima pole position della Ducati a Le Mans? Sono molto contento, questa moto in qualifica va fortissimo già dallo scorso anno. Ero preoccupato perché una piccola modifica nelle ultime libere mi aveva messo in difficoltà, in qualifica siamo andati nella direzione opposta ed è stato eccezionale fare la pole position“.

Il rider torinese ha aggiunto: “Sarà molto complicato adesso scegliere le gomme giuste che dovremo utilizzare per la gara, ma mi sento veramente molto contento per quello che siamo riusciti a fare. Ora testa alla gara, il ritmo di Quartararo è molto veloce e credo che vivremo una bella gara, tanti complimenti anche a Jack“.

In altri incontri con i media, Bagnaia ha raccontato: “Ero felice la mattina, ma è più facile essere veloci su questa pista quando fa freddo. Nelle ultime libere di questo pomeriggio dubitavo della pole position perché faticavo a fermare la moto. Quello era il problema più grande“, ha rivelato il 25enne pilota della Ducati. “In qualifica abbiamo giocato d’azzardo con il mio capotecnico ed il mio tecnico Öhlins  e dopo quel piccolo cambiamento mi sono sentito di nuovo alla grande, come se fossimo tornati al mattino. Il grip era migliore, sono riuscito a fermare meglio la moto e il feeling era ottimo“.

Sono davvero felice per la pole position, ma sono ancora più felice che abbiamo trovato qualcosa che ci ha aiutato molto“, ha riassunto Pecco dopo la giornata di qualifiche. “Penso che siamo pronti per la gara di domani. La moto andava molto bene e sono contento di come abbiamo recuperato ai problemi delle ultime libere“.

Per domenica sono invece previsti temporali, pioggia e forti vento. Che tipo di gara si aspetta l’italiano? E chi teme di più? “Fabio è l’uomo da battere. Questo è certo“, Pecco ha fatto riferimento al fuoriclasse Yamaha francese e leader del mondiale. “Ma penso che dopo questo cambio sarò più vicino alle qualifiche. Ma ora è difficile giudicare. È prevista pioggia. Spero non sia così, ma sembra proprio così“.

Come giustamente sottolineato da Pecco, il passo gara di Fabio Quartararo durante le libere è stato eccellente, ma la pioggia potrebbe cambiare tutto. Tuttavia, anche a Jerez de la Frontera appariva leggermente superiore nelle prove e poi Pecco ha risposto alla grande in gara. Fare pronostici, quando il livello è così alto, è davvero dura.