Rivola, frecciatina alla Ferrari: la rivelazione sul periodo di Alonso in rosso

L’amministratore delegato dell’Aprilia, Massimo Rivola, ha esaltato il lavoro della sua casa in MotoGP, pizzicando invece Fernando Alonso.

L’Aprilia è la grande rivelazione della MotoGP in questa stagione. Aleix Espargaró è infatti secondo in classifica mondiale, con ben 82 punti conquistati nelle prime sei tappe del 2022. Lo spagnolo è secondo solo a Fabio Quartararo, che ha un margine di 7 lunghezze sul rivale.

MotoGP Massimo Rivola e Fernando Alonso (LaPresse)
MotoGP Massimo Rivola e Fernando Alonso (LaPresse)

Aleix ha ottenuto una storica pole position in Argentina, trasformandola poi in vittoria il giorno dopo. Si è trattato di una giornata storica per la casa di Noale, che dopo tanti anni passati nelle retrovie si sta ora prendendo una bella rivincita. La RS-GP è una delle moto migliori del lotto, ed il rider iberico ha anche ottenuto un bel record.

Nelle prime sei gare, è andato a podio in tre occasioni, vincendo a Termas de Rio Hondo e chiudendo terzo in Portogallo ed in Spagna. In MotoGP, l’Aprilia non aveva mai ottenuto così tanti piazzamenti tra i primi tre in una singola stagione, ed ora ci è riuscita ben prima di metà stagione.

Questa crescita è frutto del lavoro di tanti uomini, tra cui non si può non nominare il grande Massimo Rivola, amministratore delegato di Aprilia da ormai tre anni. Il nativo di Faenza è stato impegnato per anni in F1, prima in Toro Rosso e poi in Ferrari, dove è approdato nel 2009 in qualità di direttore sportivo.

Nel 2016 è poi diventato il direttore della Ferrari Driver Academy, contribuendo a lanciare nella massima serie automobilistica diversi talenti, su cui spicca Charles Leclerc, che ora è al comando del mondiale. Dopo ben dieci anni passati a Maranello, Rivola si è spostato nel Motomondiale, arrivando in Aprilia nel 2019 in qualità di amministratore delegato. I frutti del suo lavoro e dei collaboratori che lo affiancano si sta vedendo ora, con il sogno mondiale che non è mai stato così vicino.

MotoGP, Rivola esalta l’Aprilia e pizzica Alonso

Come detto, prima di arrivare in MotoGP, Massimo Rivola è stato presente per tanti anni nel paddock di F1. Fernando Alonso arrivò in Ferrari mentre il dirigente era impegnato nel ruolo di direttore sportivo, ed i due lavorarono assieme per ben cinque stagioni. Intervistato da “Marca“, il nativo di Faenza ha parlato dei successi dell’Aprilia, non mancando di sottolineare un aspetto che riguarda lo spagnolo dell’Alpine.

La grande differenza tra moto e auto è che in F1 se non hai la macchina migliore non vinci. Ai nostri tempi Fernando era chiaramente il pilota più forte, ma noi, con la Ferrari, non siamo stati in grado di dargli la macchina migliore. Nonostante tutto, abbiamo quasi vinto. Siamo stati molto vicini in due occasioni. Qui, sulle moto, il fattore umano conta molto di più“.

Il pilota, insieme alla squadra, c’è la speranza che un giorno possa arrivare. Non so se sarà tra tre, quattro o cinque anni, ma lottando per il Mondiale, anche più di quanto stiamo facendo adesso, siamo convinti di farcela. Se Fernando oggi guidasse una Ferrari, probabilmente lotterebbe per il titolo. Ma ora ha un’altra macchina, che è competitiva, ma non per vincere. Quindi direi che per l’Aprilia è più facile vincere il titolo rispetto che per Fernando. Con quella vettura farà fatica ad arrivare davanti“.

La MotoGP ha scoperto una nuova realtà con l’Aprilia, e Rivola ha molti meriti in questo: “Non voglio parlare di vincere il mondiale, in nessun caso, ma lottiamo per vincere le gare con tutti. Questo è così bello. Far parte del gruppo che ogni domenica gioca per il podio è una grandissima soddisfazione. Poi, un giorno, vogliamo diventare il riferimento. Penso che in alcuni circuiti possiamo essere molto forti“.

Il rinnovo di Aleix arriverà sicuramente. Come dico sempre, non vedo Aleix da nessun’altra parte e non vedo Aprilia senza Aleix. Aleix è il nostro capitano, come lo chiamiamo noi, ha portato l’Aprilia fin qui ed è giusto che continui con noi. È corretto che Aprilia lo riconosca e lo supporti sempre“.