Red Bull, novità per i prossimi anni: ecco cosa faranno a Milton Keynes

La Red Bull si prepara alla costruzione di una struttura completamente nuova, volta a sviluppare al meglio le prossime vetture.

Nel 2021, la Red Bull ha compiuto una vera e propria impresa grazie a Max Verstappen, che è riuscito a strappare a Lewis Hamilton il titolo piloti. Si tratta del primo mondiale perso dalla Mercedes nel corso dell’era ibrida, iniziata nel lontano 2014. Il team di Brackley si è consolato con il successo tra i costruttori, ma ovviamente quello riservato ai driver è sempre il più atteso.

Red Bull RB18 (LaPresse)
Red Bull RB18 (LaPresse)

Tralasciando quanto accaduto ad Abu Dhabi e le polemiche che ne sono conseguite, il lavoro svolto dall’olandese e la grande rincorsa tecnica operata dal team di Milton Keynes è stato eccezionale, ed anche la Honda ha sicuramente collaborato portando finalmente una power unit competitiva in pista.

L’unità propulsiva RA621H è stata una riprogettazione completa per quanto riguarda il motore endotermico. Uno degli obiettivi di questa riprogettazione era di integrarsi meglio nel telaio della Red Bull e contribuire ad un miglior imballaggio per le prestazioni aerodinamiche. Sulla RA621H, l’angolo della valvola è stato ridotto per ottimizzare il rapporto di compressione ed anche la lunghezza delle valvole è stata ridotta per facilitare l’imballaggio.

Il team ha anche portato l’albero a camme lato scarico ulteriormente all’interno riducendo le dimensioni del treno di ingranaggi. Nel complesso, ciò ha portato le valvole di scarico rivolte verso l’esterno di oltre 30 mm più all’interno e ha consentito un confezionamento più stretto da parte dell’entourage di tecnici diretto da Adrian Newey.

In pochi anni, la Honda ha superato Ferrari e Renault, portandosi allo stesso livello della Mercedes. In sette stagioni, Honda ha aumentato la propria potenza complessiva di circa 100 kW (circa 134 CV), un’impresa monumentale. I tecnici nipponici sono, senza dubbio, coloro che hanno operato la miglior crescita in questa era turbo-ibrida. Tutto ciò si è rivelato fondamentale per la vittoria mondiale, con l’obiettivo di proseguire questa scia di successi già da quest’anno.

Red Bull, la nuova galleria del vento nei prossimi anni

La Red Bull ha in programma la costruzione di una nuova galleria del vento. “Siamo in fase di omologazione“, ha affermato il Super-consulente Helmut Marko, secondo quanto riportato da “Auto Motor und Sport“. La costruzione dovrebbe iniziare tra due anni nella base del team di Christian Horner a Milton Keynes. Tutto verre prodotto quindi sotto lo stesso tetto: galleria del vento, simulatore, fabbrica di motori. Una Ferrari inglese, per così dire.

La Red Bull, in realtà, non voleva costruire una nuova galleria del vento, ma si è sentita obbligata a farlo. I limiti sempre più severi per le sessioni di test stanno costringendo l’attuale squadra campione del mondo piloti a farlo. Non solo il tempo è sempre più limitato, ma anche il tempo fino al raggiungimento della velocità massima nella galleria, con cui possono essere determinati solo dati di misurazione affidabili. Gli anglo-austriaci opera in una struttura che utilizza molte restrizioni, ora occorre cambiare.

Secondo il direttore tecnico Adrian Newey, la galleria del vento stessa è di buona qualità. “Ci vuole semplicemente troppo tempo prima di poter aumentare fino alla velocità del vento desiderata. E questo ci priva del tempo in galleria del vento significativamente rilevante a cui abbiamo effettivamente diritto. Perché si supera il limite consentito più velocemente di altri durante la piacevole fase di accelerazione“.

Se Newey avesse fatto a modo suo, la Red Bull non avrebbe dovuto costruire una galleria del vento. “Limiterei completamente allo sviluppo dei CFD. Sfortunatamente, non ci sono abbastanza voti per farlo, anche se sarebbe molto più sostenibile. I soliti sospetti sono contrari“. Questo probabilmente significa i team che sono già nel mezzo della costruzione dei loro sistemi. Le gallerie del vento costano tra i 50 ei 75 milioni di euro. Nel 2030 la F1 non consentirà più l’utilizzo gallerie del vento.