Bottas, frecciata alla Mercedes: ecco perché è un pilota nuovo

Valtteri Bottas è stato protagonista di un ottimo avvio di stagione con l’Alfa Romeo Racing, e non le ha mandate a dire alla sua ex squadra.

Un Valtteri Bottas completamente rigenerato si sta godendo il suo avvio di stagione con l’Alfa Romeo Racing, squadra che lo ha accolto dopo l’appiedamento ricevuto dalla Mercedes. A giudicare dalle prestazioni della freccia d’argento, viene da pensare che il finlandese abbia lasciato il team di Brackley al momento giusto, mentre George Russell non può che essere deluso.

Bottas (LaPresse)
Bottas (LaPresse)

Il britannico ha aspettato per anni la sua occasione, ma Toto Wolff ha deciso di promuoverlo dalla Williams alla Mercedes proprio nell’anno in cui la casa della Stella a tre punte ha perso competitività. Per Valtteri, invece, c’è di che sorridere, visto che il team di Himwil ha fatto degli enormi progressi rispetto al passato.

L’Alfa era sprofondata in fondo alla griglia nell’ultimo biennio, a causa della crisi della power unit Ferrari, che è costata anche il posto, indirettamente, ad Antonio Giovinazzi. Il pugliese, ora impegnato con il poco competitivo team Dragon Penske in Formula E, non ha mai avuto a disposizione una monoposto in grado di esaltarne il talento, se non in pochi casi.

Al suo posto è arrivato Guanyu Zhou, il cinese che ha chiuso subito in zona punti al Gran Premio del Bahrain, chiuso in decima posizione. Bottas, invece, è arrivato sesto a Sakhir, per poi ritirarsi in Arabia Saudita. Valtteri è tornato in top ten in Australia, dove si è portato a casa un ottimo ottavo posto, salendo in decima posizione nel mondiale a quota 12 punti.

L’Alfa Romeo Racing è sesta nei costruttori, subito davanti alla Haas. I 13 punti conquistati in tre gare rappresentano praticamente gli stessi che la squadra svizzera aveva ottenuto nell’ultimo biennio, e questo rende bene l’idea di quanto il team sia progredito. Molto merito va anche al motore Ferrari, il Superfast che ha messo le ali alla F1-75 ma anche ai suoi clienti. Il futuro è radioso per queste compagini.

Bottas, frecciatina alla Mercedes

Valtteri Bottas ha ritrovato il ruolo di capo-squadra, quello che in Mercedes gli è sempre stato precluso. Ai tempi della Williams, il finlandese aveva sempre sconfitto Felipe Massa, guadagnandosi la fiducia di Toto Wolff che all’epoca ne curava gli interessi in qualità di manager.

Il nuovo alfiere dell’Alfa Romeo Racing ha concesso un’intervista a “The-Race“, raccontando con soddisfazione il suo nuovo ruolo: “Ora posso dirlo, mi sento davvero una parte importante della squadra. Mi garantisce molta soddisfazione la possibilità di essere coinvolto in ogni decisione“.

Se chiedo qualcosa, succede e tutti ascoltano davvero. E sono stato in grado di motivare alcune persone. Ora è solo una sensazione molto chiara e buona nella squadra, tutti ci stanno davvero provando. Questo è esattamente quello che ho cercato di fare, ma ovviamente, i risultati, come alla prima gara, segnando quei punti, puoi vedere quanto sia stato edificante per le persone, e questo aiuta“.

Sono davvero felice di come stanno andando le cose con la squadra e il mio ruolo. Mi sento come se non stessi guidando solo la macchina. Mi sento anche molto più di questo. Non sono solo un pilota, ma anche un importante membro del team e tutto ciò mi fa ben sperare per il futuro“.

Bottas non si è risparmiato una frecciatina alla Mercedes ed a Lewis Hamilton: “In passato è sempre stato piuttosto difficile fare un passo avanti. E penso che anche Lewis in una squadra sia una persona piuttosto dominante in un certo senso. Credo fosse chiaro a tutti che non potessi avere lo stesso ruolo che ho qui adesso. Mi sento molto bene ora, sono davvero felice e sento che insieme alla squadra potremo fare tante cose positive nel prossimo futuro“.