F1, Test Bahrain day 1: Gasly al top, ma la Ferrari inizia a spaventare

La prima giornata dei test di F1 in Bahrain va in archivio con l’AlphaTauri di Pierre Gasly davanti alle ottime Ferrari di Sainz e Leclerc.

La F1 è tornata in azione nella giornata odierna con la prima giornata dei test in Bahrain, pista sulla quale si correrà la gara inaugurale della nuova stagione il prossimo fine settimana. Il miglior tempo assoluto lo ha staccato Pierre Gasly con l’AlphaTauri, che nell’ultima ora ha deciso di spingere al limite provando in varie configurazioni.

F1 Pierre Gasly (ANSA)
F1 Pierre Gasly (ANSA)

Il francese si è prima avvicinato alla Ferrari di Charles Leclerc con mescola C3, per poi salire in cattedra con la C4. Non contento, Gasly si è poi ulteriormente migliorato con la C5, la più morbida messa a disposizione dalla Pirelli, arrivando a concludere in 1’33”902 quando mancavano pochi minuti alla bandiera a scacchi. Il pilota transalpino è stato uno dei più attivi di giornata con ben 103 passaggi inanellati

Alle spalle del battistrada ci sono le due Rosse, con Carlos Sainz che si è messo davanti al compagno di squadra proprio nel finale. Lo spagnolo ha utilizzato un set di C3 per girare in 1’34”359, mettendosi a quattro decimi da Gasly con due mescole di vantaggio. Piuttosto impressionante l’1’34”531 di Leclerc, ottenuto a parità di compound con il team-mate ed in mattinata, con pista più sporca e temperature più alte.

Charles ha portato a termine 64 giri, che sommati ai 52 di Carlitos portano il computo di giornata a quota 106. L’affidabilità della Ferrari è ormai cosa nota, ma segnali positivi sono arrivati anche dalla simulazione del passo gara. La F1-75 si è dimostrata molto competitiva, ed è stata forse l’unica delle F1 ad effetto suolo a non subire un importante degrado della gomma, anche se è impossibile sapere quale tipo di lavoro hanno fatto le altre squadre.

Quarto tempo per Lance Stroll sull’Aston Martin, seguito a ruota dalla Williams di Alexander Albon. La McLaren ha girato molto poco, con Lando Norris che ha concluso al sesto posto con soli 50 giri all’attivo. Non male l’Alfa Romeo Racing, settima con il nuovo arrivato Valtteri Bottas.

F1, Mercedes e Red Bull non cercano il tempo

La prima giornata di test della F1 in Bahrain ha regalato vari spunti di interesse, anche se in pochi hanno tentato di spingere. Ad esempio, questo è il caso di Mercedes e Red Bull, che hanno preferito concentrarsi sulla raccolta dei dati e su dei run con carico di carburante a bordo.

La F1 W13 priva di sidepod ha scioccato il Circus, ma ha avuto alcuni problemi sia in mattinata che nel pomeriggio. L’eccessivo contatto con il suolo, il porpoising e la pancia “squagliata” ne sono degli esempi, ma nulla che non si possa risolvere in questi giorni. George Russell è nono con la prima freccia d’argento, alle spalle dell’Aston Martin di Sebastian Vettel con l’altra Aston Martin.

Lewis Hamilton è undicesimo, con le due W13 che hanno totalizzato 102 giri: 62 con il sette volte campione del mondo ed i restanti 60 con il nuovo arrivato. In decima posizione c’è Sergio Perez, il vero stakanovista della giornata odierna a bordo della rivoluzionaria RB18.

Nessuno ha fatto meglio di Checo, che ha inanellato ben 138 tornate, dimostrando che la Red Bull ha trovato anche quell’affidabilità che non era apparsa eccelsa a Barcellona. Nel finale, Perez ha anche causato l’unica bandiera rossa, essendosi girato nel tratto centrale della pista ad otto minuti dalla fine. L’errore è stato piuttosto strano, dal momento che è avvenuto in un momento in cui era in corso una simulazione di Virtual Safety Car.

Scorrendo la classifica troviamo le Alpine di Fernando Alonso ed Esteban Ocon. Per il momento c’è poco da dire riguardo al team di Enstone: la A522 non sta in strada ed ha gravi problemi di affidabilità, che la rendono una delle grandi delusioni dei test. Alle loro spalle Guanyu Zhou con l’Alfa Romeo Racing e Pietro Fittipaldi con la Haas. Il brasiliano ha girato solo nel pomeriggio, ma il team ha ottenuto il permesso di poter girare domenica mattina per recuperare il tempo perso. Si riparte alle 8 di domani ora italiana.

F1 Test (Twitter)
F1 Test (Twitter)