La Ducati si sta nascondendo? Le parole di Bagnaia fanno riflettere

Pecco Bagnaia è riuscito ad accedere al Q2 per pochi millesimi, tenendosi alle spalle Enea Bastianini. Ecco le sue parole.

La prima giornata di lavoro per i piloti di MotoGP è terminata nella notte di Losail, con la Suzuki di Alex Rins che ha preceduto la Honda di Marc Marquez nella classifica assoluta. La prima delle Ducati è in quarta posizione, ma è quella del team Pramac condotta da Jorge Martin. Jack Miller è sesto, mentre Pecco Bagnaia non è andato oltre il decimo tempo, rischiando di essere tagliato fuori dalla top ten.

Bagnaia (ANSA)
Bagnaia (ANSA)

Il vice-campione del mondo, che un anno fa debuttò con la squadra factory della casa di Borgo Panigale qui in Qatar con un podio, non si è trovato del tutto bene con la Desmosedici, in un week-end ricco di nervosismo per i membri del costruttore bolognese. Quanto accaduto ieri, con la protesta degli avversari che vogliono l’abolizione degli abbassatori per il 2023, ha infastidito molto i vertici della Rossa, che non accetterebbero tanto facilmente questa decisione.

Dal canto suo, Bagnaia ha optato per una scelta piuttosto particolare, che ha fatto discutere questa mattina nel paddock di Losail. Il rider torinese ha optato per il motore del 2021, quello che gli ha consentito di vincere ben quattro delle ultime sei gare lo scorso anno, “obbligando” alla stessa scelta anche Jack Miller.

Evidentemente, il nuovo propulsore della GP22 non ha troppo convinto Pecco, sia dal punto di vista della potenza che da quello dell’affidabilità. Tuttavia, la preoccupazione nel box di Borgo Panigale è comprensibile, dal momento che la pista di Losail ha sempre sorriso alle Desmosedici che ora appaiono in ritardo, perlomeno rispetto ad Honda e Suzuki.

Pecco è riuscito a restare nel Q2 per appena 42 millesimi, tenendosi alle spalle la Ducati del Gresini Racing condotta da Enea Bastianini. Questa differenza così piccola tra una moto ufficiale ed una privata, consegnata da poco al team del grande Fausto rende bene l’idea delle difficoltà della squadra factory, che nella notte dovrà cercare di ottimizzare il potenziale della moto.

Bagnaia, speranze per le qualifiche di domani

Pecco Bagnaia ha voluto fare gli auguri a Valentino Rossi, che proprio poche ore fa è diventato papà, commentando la notizia a “SKY Sport MotoGP“: “Sono molto contento per Vale, era la prima gara senza di lui questa in Qatar e credo sia un segno che la bambina sia nata oggi. I segni non sbagliano mai“.

In generale, è stata una buona giornata. Durante la FP2 ho avuto alcuni piccoli problemi che mi hanno impedito di girare costantemente, ma alla fine sono riuscito a mettere insieme un buon giro. Nonostante la sabbia che circonda il circuito, l’asfalto oggi era piuttosto pulito e le condizioni erano davvero buone. Sono soddisfatto di queste prime due sessioni qui a Losail e sono molto fiducioso di poter migliorare ancora in occasione delle prove ufficiali di domani“.

Bagnaia ha concluso: “Non sono del tutto contento di questa prima giornata perché ho faticato a trovare il passo, soprattutto all’inizio, e mi aspettavo di poter essere sicuramente più veloce questa sera nelle prove libere 2. In ogni caso, mi sento ottimista: la mia squadra ed io abbiamo già individuato su quali aspetti lavorare per riuscire a migliorare il mio feeling con la moto, dunque, sono tranquillo e convinto di poter fare bene domani in qualifica”.

Nonostante un risultato non eccellente, Pecco è sembrato ottimista. Tutto sommato, è apparso chiaro che la Ducati abbia un gran potenziale, ma la gran parte di esso va ancora espresso. La Desmosedici non è a posto nel terzo settore, quello dove l’avantreno fa la differenza. Nel caso di miglioramenti, anche la Rossa sarà della partita per le prime piazze.