Qual è la migliore auto a GPL? Scopriamo cosa offre il mercato

Le auto a GPL attualmente in produzione non sono poi così tante, ma alcuni modelli meritano di essere valutati con attenzione.

Le tecnologie per l’industria dell’autoveicolo stanno andando in direzioni sempre più “green”, con l’obiettivo di ridurre le emissioni e, di conseguenza, l’inquinamento. Le auto a GPL , anche detti a gas naturale, utilizzano un sistema che si presenta come una miscela di gas, composta in gran parte da metano, ma anche da altri idrocarburi leggeri come propano, butano e tracce di altri gas e contaminanti.

GPL (AdobeStock)
GPL (AdobeStock)

Un grande sviluppo per questa tecnologia avvenne in Italia nel 1973, a seguito della crisi del petrolio, che fece schizzare ai massimi storici i prezzi della benzina. Tuttavia, già negli anni Ottanta le cose cambiarono, dal momento che il governo di Bettino Craxi introdusse il super bollo anche per le auto a GPL.

I costruttori, a cavallo tra i due secoli, hanno iniziato a puntare l’attenzione sul metano come carburante mettendo nei loro listini alcune vetture già predisposte in fabbrica con tale tipo di alimentazione, in particolare BMW e Volvo. Anche la Fiat sposò questa tendenza, immettendo sul mercato la Fiat Marea 1.6 BiPower, prima auto italiana con alimentazione a metano nativa di serie, che era dotata di un impianto sequenziale fasato Metatron.

La casa torinese ha puntato molto su questa tecnologia anche negli successivi, con la commercializzazione di vari modelli quali: la Punto Classic Natural Power, la Grande Punto Natural Power, la Punto Evo Natural Power, il Doblò Natural Power, la Panda Classic Natural Power, la Punto 2012 Natural Power, la Panda Natural Power ed il Qubo Natural Power.

GPL, ecco quali sono le auto migliori

Il mercato delle auto a GPL presenta varie alternative, ma secondo diverse classifiche ve ne sono alcune che spiccano sulle altre. Secondo “brumbrumblog.it“, la migliore di quelle attualmente sul mercato è la Fiat Panda EasyPower, dotata di un motore 1242cc, Euro 6 ibrido alimentato a metano con avviamento a benzina, cambio manuale a 5 marce e 51 kw. Questa vettura assicura ridotti livelli di CO2 (107 g/km) e consumi contenuti (6,6 litri/100 km nel ciclo combinato). Il modello è disponibile sul mercato a partire da 14.600 euro.

Alle sue spalle troviamo la Lancia Ypsilon, con prezzo di listino che si aggira attorno ai 18 mila euro di partenza, con motore 1,2 l 4 cilindri in linea propano, in grado di contenere in maniera ottimale i consumi e le emissioni di CO2. La potenza è di 51 kw a a 5500 giri/min. Anch’essa è basata sull’omologazione Euro 6, con cambio meccanico a 5 rapporti e trazione anteriore.

Il terzo posto è della Fiat 500, con potenza di 51 kw, classe di emissioni Euro 5 (119 g/km). Il prezzo di listino parte da circa 8 mila euro, dunque, rappresenta un ottimo rapporto qualità-prezzo per i clienti interessati all’acquisto. Alle spalle della top tre troviamo la Renault Clio 5 porte, la Fiat Punto 5 porte e la Ford Fiesta 5 porte. Chiudono la classifica delle migliori dieci auto che sfruttano questa alimentazione l’Opel Corsa 5 porte, la Dacia Duster, la Citroen C3 e la Opel Mokka. Le alternative non mancano di certo, all’interno di un mercato dell’auto sempre più competitivo.