F1, Russell sarà alla pari di Hamilton: l’ex pilota mette pressione a Lewis

Una delle coppie di piloti più forti della F1 2022 è composta da George Russell e Lewis Hamilton. I due daranno spettacolo in Mercedes.

La F1 targata 2022 ci porrà davanti ad una sfida molto interessante, vale a dire quella tra George Russell e Lewis Hamilton in casa Mercedes. Il giovane talento britannico sarà al fianco del sette volte campione del mondo suo connazionale, a patto che quest’ultimo decida di ripresentarsi ancora al via del campionato dopo la beffa di Abu Dhabi.

Russell Hamilton (GettyImages)
Russell Hamilton (GettyImages)

Sir Lewis non avrà più come compagno di box il fedele scudiero Valtteri Bottas, messo alla porta da Toto Wolff dopo cinque anni di onorato servizio. Il finlandese è partito in direzione Alfa Romeo Racing, dove ha l’obiettivo di far crescere un team in nettà crisi tecnica.

Russell è pronto per guidare la monoposto di uno dei team più forti nella storia della F1, capace di dominare per anni la massima formula. Essere al fianco di Hamilton può permettergli di accelerare il suo percorso di crescita, per diventare, in futuro, il pilota di riferimento della casa di Stoccarda.

F1, Hamilton come Senna nel 2022? La statistica non lascia spazio a dubbi

F1, Russell vicino ad Hamilton secondo Webber

Sulla coppia composta da George Russell e Lewis Hamilton si sono espressi molti addetti ai lavori ed ex piloti di F1. Alcuni pensano che il nuovo arrivato possa addirittura battere il sette volte iridato, altri temono che possa svolgere un lavoro simile a quello di Valtteri Bottas.

C’è però un precedente che può preoccupare e non poco l’asso nativo di Stevenage, ovvero il Gran Premio di Sakhir 2020, dove George dominò la corsa nel giorno in cui sostituì proprio Lewis stesso, fermato dalla positività al Covid-19. Ad esprimersi a favore di Russell ci ha pensato Mark Webber in questi giorni, ex pilota Red Bull e vincitore di nove gare in F1.

L’australiano ha concesso un’intervista a “formelaustria.at“, nella quale ha dichiarato: “Andare a sfidare un pilota del calibro di Lewis sarà molto difficile. Tuttavia, George ha già corso quasi 50 gare, quindi lo ritengo pronto per una sfida così importante ed in cui si dovrà dar da fare“.

F1, Leclerc nettamente favorito su Sainz: il dato che distrugge lo spagnolo

Sa bene che si troverà di fronte ad un grande cambiamento di aspettative nei suoi confronti, come quelle di piazzarsi in prima fila ogni fine settimana e di finire ogni gara nelle prime posizioni, ma è nelle condizioni di poter affrontare e superare questa sfida“. L’ex pilota ha dato la sua benedizione al britannico, che dovrà far valere le sue qualità di gran talento.