F1, Alain Prost si sfoga contro l’Alpine: parole durissime

Alain Prost ha voluto dare la propria versione dopo l’annuncio della sua non conferma nel team Alpine F1. Se la prende con Laurent Rossi.

Alain Prost
Alain Prost (Foto Getty Images)

È un momento di cambiamenti importanti all’interno della scuderia Alpine F1. Dopo l’addio del team manager Marcin Budkowski della settimana scorsa, è arrivato anche quello di Alain Prost.

Il quattro volte campione del mondo di Formula 1 era consulente, ambasciatore e direttore non esecutivo della squadra. Renault gli aveva dato le prime cariche nel 2015 e poi anche la terza nel 2019. Il suo contratto era annuale e non c’è stato il rinnovo. Sicuramente si tratta di una notizia che fa un po’ di scalpore, dato che il protagonista è una delle leggende di questo sport e che sembrava non ci dovessero essere problemi per la sua conferma.

Fernando Alonso, messaggio agli altri piloti di F1: “Ho un vantaggio”

Alpine F1, Alain Prost deluso da Laurent Rossi

Prost si è sfogato sul suo profilo ufficiale Instagram dopo l’annuncio dell’interruzione del rapporto professionale con Alpine: “Sono deluso per come la notizia è stata annunciata. Avevamo concordato che l’avremmo fatto insieme. Nessun rispetto. Ho rifiutato l’offerta che mi è stata fatta ad Abu Dhabi per la stagione 2022 a causa di un rapporto personale e avevo ragione”.

Il quattro volte iridato in Formula 1 ha specificato che una proposta gli era stata fatta, però l’ha respinta perché c’è un rapporto personale che non stava funzionando. Nello specifico, quello con Laurent Rossi. Proprio con lui, amministratore delegato di Alpine, se l’è presa anche in un’intervista concessa al quotidiano L’Equipe: “Quando il boss non ti saluta all’arrivo nel circuito, è perché non c’è rispetto. Rossi vuole stare da solo e che nessuno lo contamini. In Qatar mi ha detto che non gli servivano più consigli, però ad Abu Dhabi mi ha offerto un contratto e l’ho rifiutato. Laurent vuole tutti i riflettori”.

Prost ha anche rivelato che nel settembre 2020 gli era stato offerto il ruolo di presidente di Alpine F1 direttamente da Luca De Meo (CEO di Renault) e che aveva accettato, però l’arrivo di Rossi ha lasciato tutto in sospeso. Poi nella stagione 2021 non è stato coinvolto nelle scelte del team e ha capito che non tirava l’aria giusta per continuare a lavorare per la squadra francese.

L’ex driver di McLaren, Ferrari e Williams è molto deluso per come sono andate le cose e punta l’indice contro Rossi. E a proposito di cambiamenti, a breve in Alpine F1 arriverà Otmar Szafnauer come nuovo team principal. Dopo aver lasciato l’Aston Martin, il 57enne ingegnere nato in Romania è pronto a prendere le redini della scuderia di Enstone. Con lui dovrebbe arrivare anche lo sponsor BWT, che a sua volta ha rotto con Aston Martin.