Mercedes-Benz, auto a rischio incendio? Problemi con il maxi-richiamo

Mercedes Benz deve richiamare 800.000 veicoli in tutto il mondo, ma ci sono seri problemi ad effettuare il richiamo. Ecco i modelli interessati.

Mercedes (AdobeStock)
Mercedes (AdobeStock)

Il 2022 non inizia nel migliore dei modi per il marchio Mercedes-Benz. Il costruttore tedesco ha ordinato il richiamo di 800.000 auto in tutto il mondo, ma il vero problema è che non dispone di tutte le componenti necessarie per avviare questa fase di richiamo e rimettere in regola tutti i veicoli interessati. Si tratta di vari modelli realizzati tra gennaio 2017 e ottobre 2021 che registrano un problema con la pompa dell’acqua.

Lamborghini Urus, il tuning “monster” che supera i 1000 Cv

Secondo quanto riferito all’edizione statunitense di Motor1.com il richiamo interesserà soltanto modelli dotati di motori turbodiesel che possono essere danneggiati dall’ingresso di liquido refrigerante che può entrare in contatto con le valvole degli interruttori elettrici, causando un aumento della temperatura delle rispettive componenti. Dal momento che risultano anomalie alla pompa dell’acqua in casi isolati è possibile ritrovarsi davanti ad un rischio di incendio.

Richiamo Mercedes a rilento

Mercedes-Benz non nega il problema ma il richiamo deve procedere molto a rilento, in quanto la crisi sanitaria dovuta al Covid-19 ha limitato i suoi fornitori e quindi mancano materialmente alcune parti. Al momento gli unici consigli che il brand tedesco può consigliare ai suoi clienti interessati dal richiamo è di procedere con cautela e ridurre al minimo l’impiego del veicolo. Inoltre i proprietari sono stati contattati per presentarsi al rivenditore più vicino per la consegna del veicolo.

Abarth F595 limited edition: pochi esemplari ad un prezzo vantaggioso (FOTO)

I modelli interessati dal richiamo sono le Mercedes Classe C, CLS, Classe E, Classe E Coupé e Cabriolet, Classe G, GLC, GLE/GLS e Classe S. Una prima parte del richiamo dovrebbe essere avviata entro la fine di gennaio, ma il costruttore tedesco sta facendo tutto il possibile per rifocillarsi dei pezzi di ricambio necessari per chiudere quanto prima questa vicenda poco felice.