Ocon, scoppia la bufera sui social: cosa ha combinato? (VIDEO)

Subissato di critiche sui sui suoi profili social il pilota Alpine F1 Ocon spiega il motivo per cui girava con un’auto della polizia francese.

Esteban Ocon (Getty Images)
Esteban Ocon (Getty Images)

Fare il testimonial di qualsivoglia prodotto, evento o attività, può attrarre commenti piuttosto negativi. Ne sa qualcosa Esteban Ocon che dopo la pubblicazione di un video è stato investito da parole poco lusinghiere.

L’episodio è avvenuto il primo giorno dell’anno, con il breve spot in questione anticipato da alcune immagini sull’account del pilota e quindi lanciato sulla pagina del Gruppo Renault.

Pallone d’oro 2021, Alonso e Ocon protagonisti a sorpresa (VIDEO)

Perché è scoppiata la polemica

Per prima cosa va detto che dal 2022 la Gendarmeria transalpina sarà dotata di 26 Alpine A110 per gli interventi rapidi. Dunque, qualche migliore pubblicità di un lancio fatto da chi al volante ci lavora e si fa conoscere nel mondo.

Dunque, per quale motivo si è generato tanto livore da parte di alcuni internauti? La risposta è semplice. Nel filmato si vede la vettura impegnata in una serie di donuts, ma non chi la guida. Per questo, diverse persone, ingannate dalla livrea già in versione al 100% ufficiale, hanno pensato si trattasse di un membro delle forze dell’ordine. Uno sfregio ai contribuenti secondo qualcuno visto che la flotta è pagata dai cittadini. Insomma, la domanda diffusa è stata “a cosa serve uno spreco simile di gomme e carburante?”.

C’è chi addirittura si è chiesto se i presunti gendarmi in abitacolo si meritino di essere in un corpo prestigioso al servizio della popolazione. Altri si sono lamentati per la fine ingloriosa delle loro tasse.

Ocon nella storia, delusione Hamilton: l’analisi del GP d’Ungheria

In pratica, come spesso accade ai nostri tempi, qualcuno non ha capito il senso di ciò che stava vedendo e neppure che sul sedile ci fosse il driver di Evreux, malgrado la condivisione sul suo account. Un bel po’ di confusione inutile, a cui il 25enne ha replicato il 2 gennaio nella sua lingua madre e in inglese così da sgombrare il campo da ogni dubbio, chiarendo che si trattava di una ripresa a scopi promozionali.

Le riprese sono state effettuate dal marchio di Dieppe per celebrare la partnership con la Gendarmerie. A riprova della tesi, al termine della clip si vedono il vincitore del GP d’Ungheria 2021 e l’amministratore delegato Laurent Rossi scendere dalla macchina.