Ferrari, che fatica in F1: ma è prima in una speciale classifica

Nonostante i risultati in F1 manchino da un po’ di tempo, la Ferrari rimane una delle mete più ambite. Ecco cosa dicono alcune classifiche.

Scuderia Ferrari (GettyImages)
Scuderia Ferrari (GettyImages)

Il 2022 deve essere il riscatto della Ferrari in F1. Dopo annate deludenti, con solo qualche podio portato a casa, la scuderia di Maranello punta decisamente in alto per la stagione che verrà. Anche per il grande cambiamento tecnico che potrebbe rimescolare le carte nel gruppo.

Ferrari, una classifica ti sorride

Ma se per il momento in F1 la Rossa fatica a ritrovare lo smalto di un tempo, con un titolo iridato piloti che manca dal 2007 e quello costruttori dal 2008, c’è almeno una soddisfazione.

La Ferrari infatti è presente nella lista dei migliori datori di lavoro nel mondo. In particolare, come riporta Forbes, ci sono 24 aziende italiane in classifica, nove in più rispetto al 2020. E la migliore di tutte è quella con sede a Maranello. La Ferrari si attesta in ventottesima posizione nel mondo e al decimo posto in Europa, con un miglioramento di ben 23 posizioni rispetto all’annata precedente. Più indietro altri grandi marchi italiani come Armani, Pirelli e Prada.

Ferrari, grandi novità sulla livrea: ecco gli sponsor del 2022

La miglior azienda, la più sognata dai lavoratori

Un risultato quello conseguito dalla Ferrari che in pratica è in linea con quanto pubblicato diversi mesi fa dalla ricerca fatta da Randstad, la multinazionale olandese che si occupa di ricerca, selezione e formazione di risorse umane e tra le più importanti agenzie per il lavoro al mondo, che ha pubblicato la Employer brand research, secondo cui il 73% degli italiani sogna di lavorare a Maranello.

Insomma un premio per il marchio, che fa ancora sognare i lavoratori di tutto il mondo. Una reputazione però che proprio i risultati in F1 devono mantenere in alto. Ed è questo su cui la Ferrari punta per il 2022, con un rilancio a livello globale del marchio, a partire dal Circus. Anche perché le vendite delle super-car viaggiano a gonfie vele, con una serie di nuovi modelli lanciati nelle ultime stagioni che hanno avuto un enorme successo. Adesso però serve il salto definitivo nel mondo del motorsport, dove la Rossa vuole tornare alla ribalta anche grazie alla 24 Ore di Le Mans, con la nuova hypercar in progettazione.