F1, che guaio per la Red Bull: la porteranno in tribunale

Neanche il tempo di finire i festeggiamenti per Max Verstappen che la Red Bull è tornata a litigare. ma davanti a dei giudici. Ecco cosa è accaduto.

Red Bull (GettyImages)
Logo (GettyImages)

Non c’è pace per la Red Bull. Neanche il tempo di festeggiare il titolo piloti 2021 conquistato con Max Verstappen e la partnership prolungata con Honda che è tempo subito di pensare non tanto al 2022 quanto a nuove dispute. In tribunale però.

Infatti sta facendo discutere il trasferimento dell’ex capo aerodinamico, Dan Fallows, in Aston Martin. Qui l’ex Red Bull assumerà il ruolo di direttore tecnico, ma tutto è ancora in bilico. Infatti il team e Fallows sono finiti in tribunale e alla fine di gennaio sarà, a quanto pare, la giustizia britannica a decidere cosa accadrà.

Fallows-Red Bull, le cause della lite

Tutto è nato l’estate scorsa, quando Fallows ha ricevuto una proposta di lavoro dalla scuderia di Lawrence Stroll per il ruolo di direttore tecnico. Dopo un’attenta analisi, l’ex dipendente Red Bull ha accettato e ha confermato di poter iniziare la nuova collaborazione proprio il 1° gennaio 2022. Ma così non è stato.

Infatti nel contratto di Fallows con la Red Bull c’era sì preavviso di sei mesi per poter lasciare la propria posizione, ma questa opzione non poteva essere attivata prima del 31 dicembre del 2022. E per questo sono iniziate le tensioni all’interno del team, con l’ex capo aerodinamico che già lo scorso agosto è stato spostato sullo sviluppo di una vettura stradale. E a ottobre, proprio per questo declassamento, l’ingegnere ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni da Red Bull, che ha prontamente rifiutato.

Red Bull, arriva un altro invidiabile primato: nessuno meglio di loro in F1

La sentenza definitiva a breve

Quindi la lite tra Fallows e la casa austriaca stavolta è finita davanti a un giudice. L’ingegnere ha portato di fronte alla corte altri casi di dipendenti della sua squadra che avevano lasciato la propria posizione nel team prima del periodo di preavviso, senza che ci fosse alcun divieto. Inoltre a supporto di ciò ha chiesto l’utilizzo di alcune mail scambiate con il team principal Chris Horner.

Una prima udienza c’è stata già lo scorso 17 dicembre, ma sembra essere andata a favore del team austriaco. Ma entro fine gennaio arriverà la decisione definitiva. E il rischio per Fallows è quello di passare ad Aston Martin solo nel luglio del prossimo anno. E sarebbe davvero una beffa per lui, che già nel 2014 era andato vicino all’addio alla Red Bull (doveva passare alla McLaren), ma finì con un nulla di fatto dopo la nuova e più remunerativa offerta del team.