Superbike, Bautista su Ducati e Redding su BMW: la data del primo test

Bautista nel 2022 gareggerà con la Ducati, mentre Redding guiderà per BMW. I due piloti Superbike dovrebbero fare un test insieme a Jerez.

Alvaro Bautista
Alvaro Bautista (Getty Images)

Manca un solo round Superbike prima che termini l’avventura biennale di Alvaro Bautista. Nel suo futuro c’è il ritorno in Ducati, con cui ha già corso e vinto 16 gare nel 2019.

Il pilota spagnolo spera di aver fatto la mossa giusta e di poter riuscire nell’obiettivo di vincere il Mondiale SBK, sfuggito due anni fa a causa delle troppe cadute. Nel 2021 il progetto HRC è cresciuto, però i risultati sono arrivati troppo tardi e ciò lo ha spinto a tornare verso un porto più sicuro come quello ducatista. La Panigale V4 R è una moto più avanti nello sviluppo e pronta per vincere, a differenza di una CBR1000RR-R Fireblade ancora da far crescere.

LEGGI ANCHE -> Michael Rinaldi e Ducati, un problema da risolvere: “Situazione frustrante”

Superbike, Bautista e Redding pronti a guidare Ducati e BMW

Il 21 novembre si concluderà ufficialmente il Mondiale Superbike 2021. Il round in Indonesia, presso il Mandalika International Street Circuit sull’isola di Lombok, sarà l’atto finale di una bella stagione. Poi team e piloti inizieranno a pensare al 2022. C’è chi prenderà prima un po’ di pausa e chi tornerà subito in azione.

Bautista, stando a quanto riferito da Motorsport.com, svolgerà un test privato con la Ducati il 24-25 novembre a Jerez. Dopo due anni risalirà sulla Panigale V4 R che gli aveva permesso di avere un debutto shock nel Mondiale SBK, con undici vittorie consecutive a inizio campionato. La moto non sarà uguale a quella del 2019, visto che nel frattempo è stata effettuata qualche modifica, però è importante per lo spagnolo dare i primi feedback al team in vista del 2022.

Da vedere se Alvaro sarà a suo agio in fretta, dopo due anni passati in sella alla Honda. Sono moto abbastanza differenti, anche perché una ha un motore V4 (Ducati) e l’altra un quattro in linea. Proprio il fattore propulsore lo ha costretto a un grande lavoro di adattamento, visto che già in MotoGP si era abituato col V4 nelle ultime stagioni.

Il pilota classe 1984 è sotto contratto con Honda fino a fine dicembre, motivo per il quale non potrà rilasciare dichiarazioni al termine del test a porte chiuse che svolgerà a Jerez. Non è neppure escluso che il test possa essere spostato a inizio dicembre nel caso in cui non vengano allentate le restrizioni per coloro che tornano in Europa dall’Asia. Bautista rientrerà dall’Indonesia, così come Scott Redding che a sua volta dovrebbe essere a Jerez per provare la BMW M 1000 RR.

L’inglese, sostituito da Alvaro nel team Aruba Racing Ducati, dovrà scoprire completamente la moto tedesca. Importante fare più giri possibile per iniziare a capirla e valutare quali miglioramenti apportare. BMW con Redding vuole fare un deciso salto di qualità nel 2022.

Scott Redding
Scott Redding (Getty Images)