Tom Sykes, possibile ritorno al passato: arrivano le offerte

Niente Mondiale Superbike per Sykes nel 2022? C’è la possibilità che vada così, ma l’attuale pilota BMW potrebbe trovare una sistemazione in BSB.

Tom Sykes
Tom Sykes (Getty Images)

Quella 2021 potrebbe essere l’ultima stagione di Tom Sykes nel Mondiale Superbike. Al momento, il campione del 2013 è senza una sella per il prossimo anno.

In BMW hanno deciso di ingaggiare Scott Redding per il 2022 come compagno di Michael van der Mark, la cosa non è andata giù al pilota inglese anche per la modalità con la quale è stato “scaricato”. La casa di Monaco di Baviera aveva annunciato la volontà di tenerlo in un team satellite, però non nulla si sta concretizzando.

LEGGI ANCHE -> Superbike, a Portimao debutta un team italiano

Tom Sykes correrà in BSB nel 2022?

Per Sykes un’opzione potrebbe essere il team Bonovo MGM, dato che Jonas Folger non sembra voler continuare a correre con una BMW nel Mondiale Superbike. Salvo colpi di scena, la sella di una M 1000 RR si libererà a fine campionato. Secondo quanto appreso da Motorsport.com, però, la squadra tedesca potrebbe affidare la sua moto a Eugene Laverty.

Per Sykes non sembrano esserci altre chance di rimanere nel WorldSBK, dato che Honda sembra aver ormai deciso di affidarsi agli spagnoli Iker Lecuona e Xavi Vierge. Una scelta ancora da ufficializzare, ma che lascerebbe perplessi dato che si tratta di piloti senza esperienza nella competizione e che dovrebbero sobbarcarsi lo sviluppo di una moto. Un rider esperto, probabilmente, servirebbe maggiormente al progetto.

Allora dove correrà Tom nel 2022? La soluzione più quotata sembra essere quella di un approdo nella British Superbike, dove ha già corso prima di approdare nel Mondiale. Ha già ricevuto delle proposte da Ducati e BMW per correre in BSB. Il 36enne di Huddersfield le sta valutando e tra non molto sarà chiamato a prendere una decisione.

In Inghilterra potrebbe ritrovare Leon Haslam, che ormai appare fuori dal team Honda nel Mondiale Superbike e forse non troverà un’altra sistemazione. Pocket Rocket, oggi 38enne, potrebbe valutare di tornare a gareggiare nel campionato in cui si laureò campione nel 2018 con la Kawasaki.

Tom Sykes
Tom Sykes (Getty Images)