“Sì, ho sbagliato”: Vinales vuota il sacco, confessa le sue colpe e si scusa

Per la prima volta dopo essere stato sospeso dalla Yamaha, Maverick Vinales parla e dà la sua versione sull’accaduto

Maverick Vinales nel paddock del Gran Premio d'Austria di MotoGP 2021 al Red Bull Ring
Maverick Vinales nel paddock del Gran Premio d’Austria di MotoGP 2021 al Red Bull Ring (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Lo aveva promesso ieri, in una storia su Instagram, che lo ritraeva mentre assisteva alle prove libere del Gran Premio d’Austria da bordo pista: “Appena possibile vi dirò la mia”. Neanche ventiquattr’ore dopo e Maverick Vinales ha trovato il modo per commentare il caso della sua sospensione dalla Yamaha: un’intervista concessa ai microfoni di Sky Sport.

Top Gun non entra nel dettaglio dei motivi che hanno spinto la sua squadra a metterlo in panchina: le accuse di aver voluto provocare intenzionalmente la rottura del motore negli ultimi giri della gara di domenica scorsa. Ma una cosa la dice, e anche piuttosto chiaramente: ammette di aver sbagliato e fa le sue scuse alla Casa dei Diapason.

“Ho vissuto un momento di frustrazione molto grande per come stavano andando le gare”, spiega. “Da molto tempo non mi sentivo bene. Ho provato a gestirla, ma non ci sono riuscito e questo mi ha portato a guidare nel modo sbagliato. Sono davvero esploso, chiedo scusa alla Yamaha, ma non era mia intenzione finire così, non volevo mettere a rischio nessun pilota”.

Vinales-Yamaha, un rapporto difficile da ricucire

Vinales si cosparge dunque il capo di cenere in mondovisione, ma chissà se questo mea culpa basterà a Iwata per perdonarlo e non licenziarlo in tronco, come sostengono invece molte voci circolate nel paddock in questi giorni. “Rispetto molto la decisione della sospensione”, prosegue lo spagnolo. “Finora sono un pilota Yamaha e posso solo accettarla. Non so se la situazione si possa sistemare. Ora voglio solo restare tranquillo, riflettere su tutto e cercare di tornare ancora più forte”.

Questi giorni di stop forzato, ovviamente, sono complicati: “Sono un guerriero, è molto difficile per me seguire il GP a bordo pista. Sono molto triste, è davvero dura, un momento complicato. Ma sono fortunato perché in questi giorni tanta gente meravigliosa mi è stata vicino, ho ricevuto messaggi molto belli. Tanti piloti si sono dimostrati fantastici con me, anche alcuni con cui non ho una particolare relazione. Ora voglio dare il 100% e tenere duro, per cercare di tornare ancora più forte”.

Maverick Vinales in pista sulla Yamaha al Gran Premio d'Olanda di MotoGP 2021 ad Assen
Maverick Vinales in pista sulla Yamaha al Gran Premio d’Olanda di MotoGP 2021 ad Assen (Foto Dorna)

LEGGI ANCHE —> Vinales, si aggravano le accuse: Yamaha lo licenzia e Aprilia ci ripensa?