Gomme pericolose? Piloti MotoGP in rivolta, la Michelin corre ai ripari

I rischi corsi dai piloti domenica per colpa delle gomme hanno scatenato polemiche e indotto la Michelin a reagire prontamente

La gomma Michelin di Miguel Oliveira dopo il Gran Premio di Stiria di MotoGP 2021 al Red Bull Ring
La gomma Michelin di Miguel Oliveira dopo il Gran Premio di Stiria di MotoGP 2021 al Red Bull Ring (Foto Twitter/AngyFra89)

Il primo a lamentarsene, in tempi non sospetti, fu proprio Valentino Rossi, al quale evidentemente non fu dato grande ascolto. Eppure pare proprio che avesse ragione lui, visto che nel corso della domenica del Gran Premio di Stiria anche diversi suoi colleghi si sono ritrovati alle prese con problemi alle gomme, di diversa natura.

Ne hanno parlato Brad Binder, Marc Marquez, Pecco Bagnaia. E oltre alle dichiarazioni c’è una foto inequivocabile a togliere ogni dubbio: quella della gomma anteriore di Miguel Oliveira, dalla quale si sono visibilmente staccati degli ampi pezzi di battistrada, formando dei veri e propri crateri.

Michelin nella bufera, risponde così

Ce n’è abbastanza per scatenare il caso Michelin. Tanto che sarebbero stati diversi i piloti a protestare contro il gommista francese e la stessa Ktm, non ufficialmente ma dietro le quinte, ha auspicato una soluzione rapida e definitiva, perché il rischio corso dai suoi piloti è troppo alto.

Il responsabile del fornitore di pneumatici, Piero Taramasso, interpellato dal sito specializzato GPOne.com, non è stato ancora in grado di fornire una spiegazione esauriente. “Stiamo ancora cercando di capire che cosa sia successo”, ha risposto. “Quando lo scopriremo lo annunceremo sia alla squadra che alla stampa. Potrebbe trattarsi di qualcosa legato alla fabbricazione della gomma”.

Pare però che intanto, per motivi precauzionali, il Bibendum abbia deciso di correre ai ripari già in occasione del Gran Premio d’Austria, in programma in questo fine settimana sullo stesso circuito del Red Bull Ring. In particolare, sarebbe stata ritirata la mescola dura anteriore utilizzata nello scorso weekend, di costruzione asimmetrica, e sostituita con una simmetrica, probabilmente più resistente e adatta al circuito austriaco.

Il responsabile Michelin in MotoGP, Piero Taramasso
Il responsabile Michelin in MotoGP, Piero Taramasso (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

LEGGI ANCHE —> Bagnaia dà ragione a Valentino Rossi: lo stesso guaio colpisce pure lui