Verstappen come Rosberg: Hamilton l’ha “dovuto” buttare fuori (VIDEO)

Lewis Hamilton e Max Verstappen, sembra già di rivedere il remake di quella splendida battaglia avvenuta nel 2016 con Nico Rosberg.

Nico Rosberg e Max Verstappen (GettyImages)
Nico Rosberg e Max Verstappen in conferenza stampa (GettyImages)

Max Verstappen è stato protagonista di un pauroso incidente durante lo scorso weekend a Silverstone. Il pilota della Red Bull, dopo aver viaggiato per un intero giro appaiato ad Hamilton, è stato speronato da quest’ultimo finendo a muro. Il britannico è stato molto fortunato a non riportare danni sulla propria vettura.

Questo incidente però dimostra ancora una volta che Hamilton è al limite e soffre in un certo senso Max Verstappen. Non vedevamo l’inglese infatti così in difficoltà da anni. L’ultima volta era successo nel 2016, quando aveva poi perso il titolo in favore del proprio compagno di team Rosberg.

Verstappen-Hamilton: sarà guerra vera

Anche in quella stagione Hamilton si ritrovò a buttare fuori pista il proprio avversario, con conseguenze però assai più gravi per sé stesso. A Barcellona, infatti, nel disperato tentativo di non perdere terreno dal proprio compagno di team provò una manovra impossibile mettendo le ruote sull’erba.

In quel frangente Lewis perse il controllo della vettura finendo addosso a Rosberg. Entrambi si ritrovarono nella ghiaia. Stessa cosa più o meno è accaduta a Silverstone, dove l’inglese cercando di allungare la frenata per superare Verstappen lo ha colpito. Questa volta però il #44 è stato molto più fortunato.

LEGGI ANCHE >>> Red Bull fa ricorso: vuole una penalità più severa per Hamilton

L’impressione però resta la stessa, 5 anni fa come oggi. Verstappen è un osso duro e Hamilton non vuole lasciargli nemmeno un metro. Naturalmente l’incidente di domenica, così come quello di Barcellona 2016 non sono volontari, ma figli di una situazione che vede entrambi costantemente al limite. Non sappiamo se ci saranno ulteriori crash, sicuramente l’aria nelle prossime settimane sarà rovente.

Antonio Russo