MotoGP, Fabio Quartararo in Austria per cambiare la musica

Fabio Quartararo è il leader del Mondiale e arriva in Austria con l’intenzione di ribaltare i pronostici a favore della Ducati.

Fabio Quartararo (getty images)

Il campionato MotoGP ripartirà nel primo week-end di agosto con il GP d’Austria che si ripeterà a distanza di una settimana. Il Red Bull Ring, con i suoi lunghi rettilinei, è terreno favorevole per la potenza dei motori Ducati, ma stavolta Yamaha arriva con il ruolo di leader e con una M1 impeccabile su ogni tipo di layout. E arriva con una buona dose di ottimismo anche Fabio Quartararo, alla guida della classifica iridata con 34 punti di vantaggio sul diretto inseguitore Johann Zarco.

Nel 2020 Quartararo ha chiuso 8° e 13° in Austria, ma quest’anno approda con l’intenzione di invertire ogni pronostico. “E’ vero che l’Austria è stata un disastro per noi l’anno scorso. Ma questo era dovuto ai problemi generali che abbiamo avuto l’anno scorso, soprattutto nell’area dell’elettronica – riporta Motorsport-Total.com -. Da allora, la nostra moto è migliorata molto quando si tratta di frenata. Anche il nostro dispositivo holeshot funziona meglio. Al momento non vedo problemi con l’elettronica. Ecco perché penso che l’Austria non possa essere una brutta pista per noi”.

Durante la pausa invernale i tecnici Yamaha hanno compiuto uno step tecnico di rilievo, mettendo nelle mani dei piloti ufficiali un prototipo che può ambire al Mondiale. L’unico handicap resta la top speed, che in Austria avrà il suo peso decisivo. Ma già in altre occasioni nel corso di questo campionato ha dimostrato di poter fare la voce grossa anche su tracciati difficili sulla carta. “Certo, ci mancherà la velocità massima, ovviamente. Ma questo è noto da molto tempo”, ha aggiunto il pilota francese. “Tuttavia, sono riuscito a salire sul podio nel 2019. E ‘Vale’ e Maverick sono arrivati quarto e quinto”. E conclude: “Non penso sia una brutta pista per noi, ma solo una che non è facile per noi come per gli altri”.

LEGGI ANCHE —> Bentornato Dani Pedrosa, il Calimero eterno secondo della MotoGP

Fabio Quartararo (getty images)