“Fascista, vergognati”: Paolo Beltramo non le manda a dire al suo collega

Lo storico inviato ai box del Motomondiale, Paolo Beltramo, è stato al centro di un vivace scambio di messaggi con un collega su Twitter

Paolo Beltramo
Paolo Beltramo (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Volano parole pesanti sui social network tra due giornalisti molto noti nel panorama televisivo italiano. Da una parte Paolo Bargiggia, cronista di calcio e specialista di mercato, dall’altra Paolo Beltramo, storico inviato ai box del Motomondiale e oggi opinionista.

I due, oltre ad essere colleghi e a condividere lo stesso nome di battesimo, hanno entrambi lavorato per il gruppo Mediaset negli scorsi decenni. Ma a far scoppiare questo scambio di messaggi non certo pieni di complimenti su Twitter è stata una questione prettamente calcistica: la telecronaca della partita degli Europei tra l’Italia e l’Austria.

I tweet pungenti di Bargiggia e Beltramo

Bargiggia, infatti, ha attaccato apertamente il commento di Fabio Caressa sul proprio profilo, accusandolo di non essere imparziale e di far trasparire in maniera eccessiva il suo tifo per la nostra nazionale: “Caressa che esulta come un ultras per il fuorigioco su gol di Arnautovic mi fa vergognare di essere giornalista iscritto all’Ordine”, ha scritto.

Non si è fatta attendere la replica di Beltramo, sempre a mezzo tweet. Che, più che difendere il telecronista di Sky Sport, emittente per la quale anche lui oggi lavora, ha lanciato una stoccata diretta proprio allo stesso Bargiggia: “Sinceramente uno di quelli che mi fa vergognare di fare parte della categoria sei tu, fascista di Casapound. Ma non sei l’unico, consolati”.

Paolo Beltramo
Paolo Beltramo (Foto Getty Images)