Pol Espargarò critica i piloti MotoGP: “Quello che vedo è triste”

Pol Espargarò non considera negativo il risultato nelle Qualifiche MotoGP al Sachsenring, spera di fare bene in gara. Punge i suoi colleghi.

Pol Espargaro
Pol Espargarò (Getty Images)

Ottava posizione oggi per Pol Espargarò nelle Qualifiche MotoGP del Gran Premio di Germania 2021. Un piazzamento arrivato dopo aver superato anche il Q1.

Il pilota del team Repsol Honda parte una fila dietro il compagno di squadra Marc Marquez, che al Sachsenring ha vinto nelle dieci precedenti edizioni del GP. La RC213V è una moto che può fare bene al Sachsenring, anche se la concorrenza è a sua volta forte in Sassonia.

LEGGI ANCHE -> MotoGP Germania, Quartararo: “Per la gara siamo in grande difficoltà”

Pol Espargarò critico con i piloti MotoGP

Espargarò al termine delle Qualifiche MotoGP in Germania si è così espresso sulla situazione: «Qui va un po’ meglio – riporta Todocircuito.comma rischiando molto. Non mi piace, ma è così. Farò di tutto per stare davanti. Sono caduto tre volte, per fortuna non nelle Qualifiche. Non sono felice di essere ottavo, però essendo partito dalla Q1 non è male. Penso che uno dei motivi delle cadute sia il dispositivo posteriore. Nel nostro caso non aiuta, rende la moto più instabile e insicura».

Pol ha espresso delle critiche verso gli altri piloti MotoGP per il fatto di andare lenti nelle Qualifiche per attendere di prendere la scia di qualcuno: «Quello che ho visto è molto triste. Nell’ultima Safety Commission c’era Migno che parlava di come la Moto3 fosse diventata pericolosa per questa ragione. Avere tanti piloti in attesa può creare problemi e cadute. Anche i piloti MotoGP fanno lo stesso. Dobbiamo dare l’esempio e non lo facciamo. È una critica a tutti i piloti, me compreso. Dobbiamo cambiare».

Il pilota del team Repsol Honda auspica di evitare scivolate in gara, vorrebbe arrivare al traguardo al Sachsenring e magari con un buon risultato: «Le cadute non aiutano, tolgono fiducia. Domenica spero di non cadere, sono scivolato cercando il limite e sapendo che potevo cadere. Ora sappiamo dov’è e abbiamo fatto il necessario per evitare cadute. Comunque dovrò fare attenzione. Tre scivolate non sono un caso, sto soffrendo tanto».

Pol Espargaro
Pol Espargarò (Getty Images)