Superbike Aragon, Rea: “Mancata una cosa per fare il weekend perfetto”

Soddisfazione per Jonathan Rea nel primo appuntamento del Mondiale Superbike 2021 ad Aragon. Il pilota Kawasaki è leader della classifica.

Jonathan Rea
Jonathan Rea (Getty Images)

Jonathan Rea lascia Aragon con un ottimo bottino di punti. Dopo le vittorie in Gara 1 e Superpole Race, è arrivato un secondo posto in Gara 2.

Nella seconda manche non ha potuto fare di più, dato che è partito con gomme intermedie come tanti altri colleghi e non ha potuto tenere il passo di Scott Redding, che aveva le slick e ha dominato. Comunque il sei volte campione del mondo SBK ha limitato i “danni” ottenendo la seconda posizione al traguardo.

LEGGI ANCHE -> Superbike Aragon, classifica Gara 2: riscatto Redding!

SBK 2021, Gara 2: le parole di Rea

Rea al termine della seconda manche Superbike ad Aragon si è così espresso a Speedweek: «Penso che abbiamo ottenuto il massimo da questo weekend. Per essere perfetti avremmo dovuto scegliere il pneumatico giusto in Gara 2. Quando ho visto Redding con le slick ho pensato che sarebbe stata la decisione migliore. Ho chiesto alla mia squadra se potessimo cambiare, ma mancavano tre minuti all’inizio ed è era troppo tardi».

Il campione della Kawasaki svela che avrebbe voluto montare gomme da asciutto, però non c’era tempo, ma quasi tutti avevano quelle intermedie e dunque ha potuto fare almeno secondo oggi: «Già nel giro di warmup ho capito che avrei avuto problemi. Fortunatamente la maggior parte dei piloti ha fatto la mia stessa scelta. Comunque complimenti a Pirelli, perché le gomme intermedie erano più buone di quanto ci aspettassimo e sono state costanti fino alla fine».

Infine Johnny si è espresso sull’incidente del terzo giro, quando Garrett Gerloff ha fatto un sorpasso duro cadendo e spingendo lui fuori dalla pista: «Il suo attacco è stata una totale sorpresa, soprattutto visto che eravamo all’inizio. Non c’era molto spazio lì. La sua moto ha preso la mia, sono finito nella ghiaia a grande velocità e sono riuscito a rientrare in pista. Alcuni piloti mi hanno passato, non ho preso alcun vantaggio».