Superbike Aragon, Redding deluso da Gara 1: lo sfogo del pilota Ducati

Redding non è contento di come è andata Gara 1 Superbike ad Aragon. Il pilota Aruba Racing Ducati spiega cosa non ha funzionato oggi.

Scott Redding
Scott Redding (Getty Images)

Per Scott Redding non è andata come immaginava la Gara 1 Superbike oggi ad Aragon. Il pilota Ducati ha concluso al quarto posto a oltre 4 secondi dal vincitore Jonathan Rea.

Sperava di potersela giocare con il rivale della Kawasaki, però non è riuscito mai a infastidirlo. Già dopo la partenza il sei volte campione SBK ha preso margine e per l’inglese non c’è stato niente da fare. Positivo il recupero finale, che gli ha permesso di limitare i “danni”.

LEGGI ANCHE -> Valentino Rossi e Marquez, messaggi a Rea per le 100 vittorie (VIDEO)

SBK 2021, Redding commenta Gara 1 ad Aragon

Redding al termine della prima manche Superbike al Motorland Aragon ha mostrato un po’ di amarezza per come sono andate le cose: «Credo che Kawasaki avesse un grip molto migliore del nostro – riporta Speedweek – soprattutto nei primi giri. E quindi non ho potuto fare nulla. Ho lottato molto, non riuscivo a frenare bene. Il feeling con la gomma posteriore era pessimo e poi ho avuto problemi anche con l’anteriore. Alla fine mi sono avvicinato agli altri, ma gli pneumatici erano completamente consumati».

Il pilota Aruba Racing Ducati è arrivato vicino al podio, però sottolinea che ha avuto un grosso problema con la gomma: «Dalla TV può sembrare che mi sarebbe bastato un altro giro per salire sul podio, ma dal mio punto di vista con un giro in più avrei dovuto fermarmi perché la gomma era distrutta. Non ho mai avuto problemi del genere con le Pirelli. Non mi è piaciuta questa gara, non mi sono divertito».

Ovviamente il vice-campione del mondo SBK 2020 auspica di fare meglio domani tra Superpole Race e Gara 2, molto dipenderà anche del clima: «Mi ero sentito bene in FP3, avevo pensato “Questa è la mia moto”. Purtroppo il tempo è cambiato prima della gara ed è stato un problema per noi. Per vincere il campionato dobbiamo essere più costanti. Se domenica farà più fresco, tutto può cambiare».