Valentino Rossi, al Mugello l’annuncio tanto atteso: conto alla rovescia

Valentino Rossi attende con impazienza il weekend del Gran Premio del Mugello. Anche perché è in arrivo un’ufficializzazione importante

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Foto Petronas)

Non poteva che essere quello del Mugello il weekend decisivo per Valentino Rossi. Non solo la pista di casa, che ospita il Gran Premio d’Italia di MotoGP, rappresenta sempre un appuntamento speciale per il Dottore, beniamino dei tifosi locali (anche se in questa edizione non potranno accomodarsi sulle tribune).

Stavolta, infatti, l’appuntamento a domicilio del Motomondiale coinciderà anche con un crocevia chiave per il futuro del fenomeno di Tavullia. Quello nel ruolo di pilota, che ancora deve definirsi, sospeso com’è tra ritiro e prosecuzione della sua carriera, sulla base dei risultati che otterrà nelle prossime gare.

La VR46 ha trovato l’accordo per il 2022

Ma anche quello nel ruolo di team manager della sua squadra VR46, pronta al debutto nella classe regina, finanziata con i petrodollari dell’Arabia Saudita, già dalla prossima stagione. Ed ecco che, già nel prossimo fine settimana, a margine della corsa toscana, potrebbe arrivare l’annuncio della moto che la formazione di Tavullia nel 2022.

Si tratta della Ducati, che avrebbe dunque vinto il ballottaggio con la Yamaha, annunciato dallo stesso nove volte iridato a Le Mans. La Rossa di Borgo Panigale ha confermato tutta la sua competitività con la seconda vittoria consecutiva in Francia. E, grazie alle sue capacità produttive, è perfettamente in grado di mettere sulla griglia di partenza, oltre alle sue due Desmosedici ufficiali, anche altre quattro per i propri team satellite: la Pramac e, appunto, la VR46.

Valentino Rossi riprende il sodalizio con Ducati

La trattativa ha subìto un’importante accelerazione nelle ultime ore e ormai l’accordo sarebbe stato trovato: mancherebbe solo la firma che, appunto, è data in arrivo già al Mugello. In quella stessa sede Ducati dovrebbe rinnovare anche con il suo pilota ufficiale Jack Miller e con la Pramac.

Per Valentino Rossi, dunque, si tratta già di un primo punto fermo in vista del campionato che verrà. Anche se non più in veste di pilota, ma di team manager, ritroverà quel marchio bolognese con cui aveva vissuto due sfortunati anni di matrimonio nel 2011-2012. Sperando che, stavolta, l’esito finale sia di tutt’altro segno.

LEGGI ANCHE —> Valentino Rossi è già deluso in vista del Mugello: “Mi chiedo che senso ha”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (Foto Petronas)