Morbidelli e il contatto con Pol Espargarò: “Colpe da dividere”

Morbidelli amareggiato per aver concluso la gara di Le Mans senza punti. Pesa una caduta dopo un tocco con Pol Espargarò al primo giro.

Franco Morbidelli
Franco Morbidelli (Getty Images)

Brutta domenica per Franco Morbidelli, che nella gara MotoGP a Le Mans non ha ottenuto punti. Fatale una caduta al primo giro dopo un contatto con Pol Espargarò. Ha chiuso sedicesimo e doppiato.

Sicuramente uno zero pesante per la corsa mondiale del pilota italiano, però ci sono ancora tanti gran premi e la possibilità di recuperare. Ovviamente il fatto di avere la Yamaha M1 2019 e non la 2021 non è la cosa migliore, però Frankie ha stupito nello scorso campionato e punta a ripetersi anche in questo.

LEGGI ANCHE -> Joan Mir, caduta pesante a Le Mans: “Chiedo scusa alla Suzuki”

Morbidelli, gara da dimenticare a Le Mans

Morbidelli al termine del GP di Francia è dispiaciuto per come è andata oggi: «Gara molto difficile – ha detto a La Gazzetta dello Sportperché ho avuto un’incidente all’inizio, quando ho avuto un contatto con Pol Espargarò  e le cose sono cambiate. Poi ho ripreso, ho fatto il cambio moto e ho cercato di finire la gara per prendere qualche punto. Ma sono arrivato solamente sedicesimo».

Inevitabile parlare del contatto del primo giro con Pol Espargarò, quando è poi finito sulla ghiaia ed è caduto: «La colpa dell’incidente va divisa. Quando l’ho visto rientrare sono andato per superarlo, ma lui è stato molto aggressivo e l’ho colpito nel posteriore. Poi non sono riuscito a controllare la moto e sono caduto. Quando uno rientra dovrebbe essere più cauto, invece Pol è stato molto repentino. Ma non si può definire né un errore né una manovra pericolosa. È stata solo una mossa un po’ aggressiva che mi ha preso in contropiede».

Quando è caduto, lo si è visto toccarsi il ginocchio apparso dolorante già in FP3. A proposito delle sue condizioni fisiche, il pilota del team Petronas SRT ha commentato come segue: «Per un periodo breve ho sentito un forte dolore, poi mi sentivo in condizione di riprendere la corsa. Il mio menisco e il mio legamento crociato non sono al meglio, però ora l’operazione è fuori discussione. Sono in zona intervento da tempo, ma se lavori bene a livello muscolare e con la fisioterapia puoi evitarlo. Sarebbe l’ideale, anche se l’operazione mi libererebbe dei problemi».

Il vice-campione del mondo MotoGP 2020 spera di riscattarsi nel GP d’Italia al Mugello, però gli serve un po’ di riposo prima di concentrarsi completamente sul prossimo weekend di gara: «Voglio riposare e arrivare nelle migliori condizioni possibili al Mugello. Il mio approccio non cambierà, cercherò di ottenere il massimo dalle situazioni che che si presenteranno. Da Le Mans mi porto via un grande miglioramento sul bagnato e una buona velocità sull’asciutto».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MotoGP (@motogp)