Alfa Romeo nomina un nuovo pilota di riserva ed è della Ferrari

L’Alfa Romeo estende il suo parterre di riserve. Dopo Kubica, impegnato nell’EMLS, il team svizzero punta su un ferrarista.

Cullum Ilott (©Alfa Romeo Twitter)

La scuderia del Biscione sempre più legata al Cavallino. Da questo martedì l’Alfa Romeo ha un nuovo pilota di riserva, ossia Cullum Ilott. Il secondo classificato del campionato di F2 2020 alle spalle di Mick Schumacher, è stato scelto per affiancare Robert Kubica qualora il polacco, impegnato con i prototipi, non potesse essere disponibile in caso di assenza di uno dei due driver titolari.

Già con i colori di Hinwil in occasione del classico rookie test di Abu Dhabi nel 2019 e lo scorso anno, il giovane britannico si candidata alla promozione da ufficiale.

“Ha già lavorato con noi in passato ed ogni volta ci ha impressionato per la sua etica e i suoi feedback. Non ho dubbi che sarà un elemento fondamentale. Avrà un programma intenso e non vediamo l’ora di vederlo di nuovo in pista questo fine settimana”, ha affermato il boss Frédéric Vasseur.

Appena ingaggiato il 22enne verrà subito messo sotto, dato che parteciperà alla prima sessione di prove libere del Portogallo in programma questo venerdì.

E’ la prima mossa in vista del 2022?

La nomina di un membro della FDA quale terzo driver non sorprende per nulla, dato che la ex Sauber è come la Haas una squadra di appoggio per il Cavallino. A questo viene da chiedersi se non sia stata una manovra studiata ad hoc per preparare il terreno per la prossima campagna.

Antonio Giovinazzi nonostante i progressi potrebbe essere sostituito non dovesse riuscire a confermare lo stato di forma mostrato in questo avvio di 2021, mentre Kimi Raikkonen, ormai prossimo alle 42 primavere, potrebbe essere invitato a farsi da parte per favorire l’ingresso di un talento in erba. Sebbene Iceman abbia ripetuto spesso di non aver voglia di smettere, prova ne è la sua scarsa ritrosia nei ruota a ruota anche se per posizioni non di testa, l'”agnello scarificale” potrebbe essere proprio lui.

Kimi Raikkonen (©Getty Images)

Chiara Rainis