“In uno dei prossimi GP tornerà il pubblico”: l’annuncio di Domenicali

Il presidente e amministratore delegato della Formula 1, Stefano Domenicali, indica la gara in cui i tifosi torneranno sugli spalti

L'amministratore delegato della Formula 1, Stefano Domenicali
L’amministratore delegato della Formula 1, Stefano Domenicali (Foto Rudy Carezzevoli/Getty Images)

La data in cui gli spettatori torneranno sulle tribune dei Gran Premi di Formula 1 si avvicina a larghi passi. Lo ha annunciato il presidente e amministratore delegato del massimo campionato automobilistico, Stefano Domenicali.

Il manager italiano, che ha preso il timone del Mondiale a quattro ruote proprio all’inizio del 2021, sottolinea come questa stagione si stia rivelando ancora più complicata rispetto alla passata, sotto il profilo della gestione delle tante e diverse normative legate alla pandemia.

“Quest’anno è più complesso dello scorso, quando nessuno pensava di portare a termine una stagione con 17 Gran Premi“, ha affermato ai microfoni di Sky Tg24. “È più difficile perché ogni Paese ha una normativa diversa, noi ci muoviamo nel controllo della situazione quotidiana, che cambia di ora in ora”.

A Montecarlo gli spettatori tornano in tribuna

Anche per questo motivo la F1 dovrà accettare ancora un paio di gare a porte chiuse. Ma Domenicali fissa già la scadenza per il rientro dei tifosi sugli spalti: quella del Gran Premio di Monaco.

“Nei prossimi Gran Premi di Portogallo e Spagna purtroppo non avremo pubblico, mentre Montecarlo si annuncia il primo Gran Premio dove dovrebbe essere ammesso un numero limitato di persone alla domenica”, prosegue. “Questo ci fa ben sperare guardando avanti, perché se la situazione migliora ci sarà una riapertura graduale e si darà la possibilità ai tifosi di partecipare ai Gran Premi. C’è una voglia di Formula 1 anche fisica, non solo televisiva, incredibile”.

Il futuro di Imola secondo Domenicali

Ha dovuto invece tenere fuori dai cancelli i tanti appassionati tricolori il recente Gran Premio dell’Emilia Romagna, che però ha confermato ancora una volta la grande qualità dell’autodromo Enzo e Dino Ferrari, che punta ad essere riconfermato a lungo termine in calendario.

“Promettere una cosa non certa non è nelle mie corde”, spiega Domenicali, “ma quando il ministro degli Esteri Di Maio è venuto ad Imola assieme al presidente dell’Automobile Club Sticchi Damiani e al presidente della Regione Bonaccini abbiamo parlato di questa eventualità. È sul tavolo, ne stiamo parlando. Vedremo, spero nei prossimi mesi, cosa succederà”.

Una Formula 1 sempre più sostenibile

Nel futuro della F1 ci sarà poi anche un impegno sempre più sostenuto a favore della sostenibilità ambientale: “È una rivoluzione che parte da un’evoluzione tecnologica, di poter offrire al mondo della Formula 1 una dimensione coerente con quello che si ha. Noi facciamo delle corse e diamo la possibilità ai costruttori e alle squadre di guardare avanti. Per questo ci aspetta un futuro ricco di grandi opportunità. Saremo una Formula ibrida, avremo benzine ecosostenibili, ci sono già tante attività nell’ambito di questo valore che ormai taglia trasversalmente la società e dà la possibilità alla Formula 1 di essere protagonista. Vedrete che nei prossimi mesi e anni anche sotto questo punto di vista la Formula 1 saprà essere protagonista, come lo è nel mondo internazionale degli eventi sportivi”.

LEGGI ANCHE —> Superlega, anche la F1 è contraria: “Noi abbiamo fatto il percorso opposto”

Il Gran Premio di Monaco di F1 a Montecarlo
Il Gran Premio di Monaco di F1 a Montecarlo (Foto Charles Coates/Getty Images)