Superbike, Camier: “Honda lotterà per podi e vittorie”

Camier al debutto da team manager Honda in Superbike non nasconde le ambizioni della squadra HRC per il campionato 2021. C’è grande ottimismo.

Leon Camier
Leon Camier (foto WorldSBK)

La Honda CBR1000RR-R Fireblade ha debuttato nel Mondiale Superbike nel 2020 e per la nuova stagione sono attesi passi avanti importanti. La casa di Tokio sta investendo nella categoria e vuole tornare a vincere dopo i tanti trionfi in MotoGP.

Anche nel 2021 ci sono Alvaro Bautista e Leon Haslam nel team HRC. Entrambi erano in pista nel recente test di Montmelò, ma solamente il secondo ha potuto lavorare bene completando il programma previsto. Infatti, lo spagnolo ha sofferto per una contusione al torace rimediata in motocross e ha dovuto saltare la seconda delle due giornate di prove in Catalogna.

LEGGI ANCHE -> Superbike, Mercado: “Spero che Honda aiuti il team MIE”

SBK, Camier fiducioso sulla Honda

Leon Camier, che da quest’anno è team manager Honda in Superbike, si è detto soddisfatto del lavoro svolto finora nei test ed è ottimista per la stagione: «Nei primi test non abbiamo trovato condizioni ideali – ha detto a WorldSBK.com – a causa del maltempo, ma abbiamo sfruttato al meglio la pista. Ci aspettiamo buoni progressi dalla moto rispetto al 2020, quando l’emergenza Covid ha ostacolato lo sviluppo in Giappone. Abbiamo provato tante parti, dobbiamo capire bene il loro funzionamento per mettere insieme il pacchetto per la stagione».

HRC ha portato diversi aggiornamenti in Catalogna e Camier è soddisfatto del livello raggiunto: «Ci sono delle parti che dobbiamo ancora capire, però ci stiamo muovendo nella giusta direzione con la maggior parte degli upgrade. Le richieste dei piloti sono state accontentate. Ci serve ancora del tempo per mettere tutto assieme e ottenere il massimo dal nostro pacchetto. Il test di Montmelò è stato positivo per noi».

Con l’ex pilota è inevitabile parlare di obiettivi per il Mondiale SBK 2021: «Ovviamente Honda vuole vincere, però è solo al secondo anno dopo il ritorno ufficiale. Ci serve del tempo, il team è nuovo e abbiamo cose da imparare. Ovviamente ci attendiamo un grande passo avanti quest’anno. La moto ha fatto buoni progressi. Penso che possiamo combattere per i podi e in qualche gara anche per la vittoria, vedremo dove finiremo».