Quartararo: “Zarco può guadagnarsi da vivere quando invecchierà”

Fabio Quartararo emozionato sul podio del Qatar sentendo cantare l’inno francese dal connazionale Johann Zarco.

Fabio Quartararo sul podio di Doha (getty images)

Fabio Quartararo ha esordito con un 5° posto ma si è rifatto nella seconda gara in Qatar conquistando una vittoria in scalata. Una giornata storica per gli appassionati francesi che hanno visto ben due connazionali sul podio, con Johann Zarco sul secondo gradino. “Sono stato travolto dalle emozioni e quando ho sentito Johann cantare l’inno francese sul podio è stata un’esperienza unica. È un bravo cantante, è molto musicale, suona anche il piano. Potrebbe essere in grado di usarlo per guadagnarsi da vivere quando invecchierà. Vorrei congratularmi sinceramente con Johann. Cantare insieme l’inno nazionale è stato uno dei momenti più belli che abbia mai vissuto”.

Nonostante il lungo rettilineo di Losail era un punto debole per le Yamaha, Fabio Quartararo ha saputo sfruttare al meglio il misto del layout, preservando le gomme in maniera molto calibrata. Dal nono posto al primo, ha dimostrato che la M1 può anche compiere una gara di sorpassi se si sfrutta una buona strategia. “Ho scelto il momento perfetto per l’attacco. Mi sono sentito benissimo. Così sono riuscito a superare Johann e poco dopo anche Jorge Martin”.

Non sono mancati gli imprevisti che potevano rovinare la strabiliante giornata, quando Danilo Petrucci ha perso un’ala della sua KTM RC16, rilasciando parti in carbonio sull’asfalto. “Avevo il terrore di una gomma a terra. “Per favore, non una gomma a terra adesso”, ho supplicato. Ho anche guidato in 1’53″1 nell’ultimo giro. Ma non mi è sembrato così veloce. In realtà ho frenato con molta attenzione e dolcezza prima della curva finale, ho frenato molto prima del solito. A destra, ho guardato il maxischermo e mi sono chiesto se la Ducati mi avrebbe superato di nuovo in accelerazione verso il traguardo. E’ stato fantastico”.

Fabio Quartararo (getty images)