Pol Espargarò e il ritorno di Marquez: “Già in Qatar? Nessuna sorpresa” (VIDEO)

Pol Espargarò ancora non al 100% sulla Honda RC213V del team Repsol. Ammette anche che rivedere Marc Marquez in Qatar non lo stupirebbe.

Pol Espargaro MotoGP Honda
Pol Espargarò (foto Repsol Honda)

Sicuramente Pol Espargarò non è contento delle pessime condizioni nell’ultima giornata di test MotoGP in Qatar. Ha provato comunque a girare, ma si è fermato a soli otto giri perché era impossibile fare lavoro utile oggi a Losail.

Difficile fare previsioni sul livello di competitività che potrà avere nelle prime due gare del campionato che si disputeranno proprio sulla pista qatariota. Però sembra che il pilota spagnolo abbia intrapreso la strada giusta per adattarsi alla RC213V del team Repsol Honda, una moto certamente non facile da guidare.

LEGGI ANCHE -> MotoGP, Ciabatti: “In Ducati voltata pagina. Vogliamo il titolo”

MotoGP, test Qatar: parla Pol Espargarò

Espargarò al termine di questa ultima giornata di test MotoGP in Qatar ha espresso un po’ di rammarico per non aver potuto fare il lavoro programmato: «Non abbiamo potuto fare la simulazione di gara o un time-attack, penso che avrei potuto andare forte. Sono sicuramente frustrato. Non ho potuto girare abbastanza. Nuova aerodinamica? Non l’ho provata, non so se vada bene o meno».

Il pilota spagnolo non sa ancora a che livello è in sella alla Honda RC213V, avendo corso solamente a Losail: «Mi sarebbero serviti più giri. A volte vedo il limite e altre no. Avrei bisogno di girare in più piste. Serve tempo. Adesso ho più o meno sotto controllo l’avantreno, ma sarà utile correre anche su altri circuiti. Non mi sento preparato, non so a che livello sono. Vedremo in gara. Il ritmo è più o meno buono».

Gli viene chiesto del ritorno di Marc Marquez, che ha ottenuto l’ok per risalire in moto e adesso può accelerare gli allenamenti per tornare in MotoGP. Queste le considerazioni di Pol: «Non sarei sorpreso se tornasse già in Qatar. È nella entry list. Ora può iniziare a lavorare di più, ha avuto il permesso dei dottori. Credo che tornerà presto, non so se alla prima o alla seconda gara. Solo lui lo sa, aspettiamo il suo ritorno».

Il rider del team Repsol Honda non nasconde l’ambizione di vincere, però gli servirà del tempo per essere veramente efficace sulla RC213V: «Lavoro per essere campione, questo è l’obiettivo, anche se partiamo con soli quattro giorni di test. Anche con due weekend di gara non potrò dire di conoscere bene la moto. Sono ancora lontano da capirla, devo guidarla in altri tracciati».

Il fratello di Aleix Espargarò conferma di aver fatto il vaccino anti-Covid messo a disposizione dal Governo del Qatar: «L’ho fatto, come tutti gli altri. Dobbiamo essere responsabili. Viaggiamo in tutto il mondo, possiamo contagiare altre persone quando rientriamo a casa».