Alex Marquez: “Il mio obiettivo non è zittire le persone”

Alex Marquez si prepara a vivere la sua prima stagione in MotoGP con un team satellite. La minor pressione potrebbe giocare a suo favore.

Alex Marquez (getty images)

Alex Marquez ha guadagnato la classe regina forte di due titoli mondiali nelle classi minori. Non ha brillato come “fratello di Marc”, ma a suon’ di risultati meritati. Tuttavia le voci critiche nei suoi confronti non mancano, c’è chi gli imputa di non essere all’altezza di suo fratello maggiore. Fatto sta che in una stagione molto particolare come il 2020 Alex, nei panni del rookie, ha collezionato due podi. Gli unici per HRC nella passata stagione.

Nella sua prima stagione in MotoGP, Alex Marquez è arrivato secondo sul podio a Le Mans e Aragon 1. Con posizioni di partenza leggermente migliori, la vittoria sarebbe stata possibile in entrambe le gare. Il giovane pilota Honda non dà seguito alle chiacchiere da bar. “Credimi, non è il mio obiettivo far tacere le persone. Sono una persona che crede in se stesso. Credo nel lavoro che faccio a casa e in pista”, ha detto il minore dei fratelli Marquez a Motorsport-Total.com. “Non voglio che la gente dica: ‘Ah, ora tutti quelli che hanno parlato male di me staranno zitti.’ Non è il mio obiettivo. Sto cercando di fare il miglior lavoro possibile e di essere Alex Marquez”.

La pressione fraterna

Il rapporto di sangue con suo Marc Marquez sarà una costante con cui dover fare i conti per sempre, ma Alex ha intenzione di apporre la sua firma personale sul Mondiale anche nella massima serie. “Quando hai un fratello come Marc, è facile per le persone concentrarsi di più su di te o dire cose sbagliate su di te. È normale nelle corse. Instagram o Twitter peggiorano le cose, perché cose sbagliate si possono facilmente dire lì”.

L’anno scorso l’assenza di Marc Marquez ha spinto i media a porre continue domande ad Alex sulle condizioni del fratello, essendo la persona a lui più vicina. Una situazione abbasta frustrante per l’ex campione di Moto2. “Sì, a un certo punto, perché è stato difficile per me dire qualcosa al riguardo. Non sono io quello che dovrebbe dire qualcosa su Marc. Questo dovrebbe essere fatto dalla squadra e dal nostro team manager Alberto [Puig]. Ovviamente Marc mi ha detto molto su come posso fare meglio. Ma alla fine, io sono solo in pista “.

Nella stagione 2021 Alex correrà con il team satellite LCR di Lucio Cecchinello e questo potrebbe apportare vantaggi a livello psicologico, facendogli avvertire meno la pressione. “Lo spero. Spero che sarà un modo diverso di lavorare. Certo, essere nella squadra ufficiale di lavoro è molto bello. Ma essere un pilota ufficiale in una squadra satellite può aiutarmi a migliorare. Ho ancora molto da imparare. Il mio obiettivo è costruire nella seconda metà della stagione e continuare questo progresso”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alex Márquez Alentà (@alexmarquez73)