Stefan Bradl: “Nessuna notizia di Marc Marquez e non chiedo”

Stefan Bradl a Jerez per altri due giorni di test con il nuovo prototipo Honda. Il tester HRC sostituirà Marc Marquez nel test di Losail.

Stefan Bradl
Stefan Bradl (getty images)

Stefan Bradl resta ancorato a Jerez in attesa che il meteo sia clemente per tornare in pista con il nuovo prototipo Honda RC213V. Una settimana fa è tornato sul tracciato andaluso, ma la pista non si è mai asciugata fino a giovedì, nei prossimi giorni sarà ancora a Jerez. “Abbiamo prenotato lunedì e martedì e continuiamo a prorogare l’opzione fino a mercoledì gratuitamente”, racconta il collaudatore tedesco a Speedweek.com.

Bradl ha provato tre giorni a Jerez a dicembre, poi quattro a gennaio e ora ha in programma altri due giorni. Di questi nove giorni, solo un giorno è stato completamente asciutto, le condizioni di drenaggio non sono ottimali, quando piove il giorno dopo è semi-bagnato. Non resta che sfruttare il tempo diversamente. “Vado anche in palestra tutti i giorni la mattina dell’hotel. Il blocco in Spagna è stato leggermente allentato da mercoledì. Ora i bar e i ristoranti sono aperti tutti i giorni fino alle 18:00. Anche i centri fitness. Domenica mi sarebbe piaciuto andare a Puerto Santa Maria in riva al mare, ma purtroppo tali escursioni non sono consentite qui al momento”.

Da gennaio ad oggi il collaudatore Honda ha trascorso quasi 25 giorni, ma non ci sono ancora notizie certe sulle condizioni di salute di Marc Marquez. Stefan Bradl dovrebbe sostituirlo anche per la prima parte del campionato, anche se gli altri costruttori, KTM in testa, hanno avanzato qualche riserva chiedendo una riunione alla MSMA. Il tester HRC non ha informazioni sulle condizioni del Cabroncito. “Nessuna idea. Non chiedo nemmeno troppo. Finora ho solo le informazioni che farò i test in Qatar dal 5 al 7 marzo e dal 10 al 12 marzo. Non ne so di più”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Stefan Bradl (@stefanbradl6)