“Mick Schumacher nelle retrovie? Bene così”: il parere del figlio d’arte

Secondo la leggenda tedesca delle corse, Hans-Joachim Stuck, la Haas è il team perfetto per far crescere il giovane Mick Schumacher

Mick Schumacher
Mick Schumacher (Foto Bryn Lennon/Getty Images)

A Mick Schumacher farà solo bene debuttare in Formula 1 nel 2021 in un team di seconda fascia come la Haas. Questo è il punto di vista di Hans-Joachim Stuck, leggenda tedesca dell’automobilismo. Il quale ha anche un’altra cosa in comune con Schumi Jr, oltre alla professione e al passaporto: il fatto di essere figlio di un padre famoso in questo sport, Hans Stuck.

“I miei genitori mi crebbero in maniera adeguata e questo vale anche per Mick”, ha dichiarato ai microfoni della rivista specializzata tedesca Auto Bild. “Mick non ha avuto mai quell’attitudine a volare alto che normalmente viene quando si porta un nome del genere. Questo gli semplifica il compito di gestire la pressione”.

Stuck crede in Mick Schumacher

Stuck ritiene che la Ferrari abbia compiuto la scelta perfetta piazzando Schumacher nel piccolo team americano Haas, che rispecchia bene la tendenza del giovane tedesco ad avere bisogno di tempo per conoscere approfonditamente le nuove categorie in cui esordisce.

“Devo dire che rispetto davvero il modo in cui si comporta Mick Schumacher“, ha dichiarato il 70enne. “Penso anche che sia positivo il fatto che non si trovi da subito al volante di una macchina vincente, ma che al contrario abbia il tempo per abituarcisi. Quando arriverà il momento giusto, vincerà. Ma ha bisogno di tempo per riuscirci. Deve imparare con calma il sistema, le piste, i processi nel team e così via. Perciò chiedo a tutti di concedergli questo tempo”.

La premiazione di Mick Schumacher per il titolo di Formula 2
La premiazione di Mick Schumacher per il titolo di Formula 2 (Foto Bryn Lennon/Getty Images)