Perez sfida la Racing Point, ma il team gli fa un regalo

Perez ha salutato il suo storico team lanciandogli il guanto di sfida. La Racing Point risponde con un regalo.

Sergio Perez (©Getty Images)

A ormai diversi giorni dalla fine del mondiale emergono i retroscena relativi all’addio alla Racing Point di Sergio Perez. Come normale che sia anche i sodalizi più longevi finiscono, ma purtroppo, spesso, non terminano nel migliore dei modi. Fedele e leale con con la ex Force India pure nei momenti più bui, quelli, per intenderci, del fallimento e della crisi economica, Checo non ha preso esattamente bene la decisione del team di preferire Lance Stroll al fianco di Sebastian Vettel.

Superato il rammarico iniziale il messicano ha fatto prevalere i bei ricordi, diventati ancora più gloriosi nel 2020 grazie al secondo posto artigliato in Turchia e al successo nell’ultimo round del Bahrain, tanto che in fase di saluto con il gruppo che lo ha seguito al box dal 2014, non è riuscito a trattenere qualche lacrima. E proprio nel garage di Abu Dhabi il team principal Otmar Szafnauer ha rappresentato il resto dell’equipe consegnandogli alcuni doni, nella fattispecie una coppa, una targa celebrativa e addirittura il volante della RP20 con cui ha sbancato a Sakhir.

La chance della vita a portata di mano

Alla consegna il driver di Guadalajara ha ringraziato tutti per il percorso condiviso, chiudendo con un ironico: “Spero di mancarvi in futuro”. E in effetti non è escluso che la scuderia con base a Silverstone si penta di conservare il figlio del patron al suo posto. Da quando ha accusato il Covid, il canadese non è più stato competitivo. Per quanto concerne il 30enne, come sappiamo nel 2021 potrà godere di una grande opportunità, quella di guidare la Red Bull. Un secondo treno dopo quello del 2013 con la McLaren, che potrebbe finalmente permettergli di raccogliere quanto merita.

Sergio Perez (©Getty Images)

Chiara Rainis