Che marca di auto è MG? In pochi conoscono la sua storia

In Inghilterra vi sono stati garagisti che sono diventati leggenda. La Morris Garages (MG) era un concessionario Morris di Oxford.

La proprietà dell’azienda, inizialmente, era nelle mani di William Morris. Quando, nel 1922, Cecil Kimber ne divenne General Manager, comprese che l’attività si sarebbe dovuta evolvere in qualcosa di diverso, con l’obiettivo di produrre sempre un maggior numero di vetture di Morris. Nel 1924 il modello 4 Seater Special Sport fu l’emblema del brand inglese.

Che marca di auto è MG? In pochi sanno la sua storia
Auto MG (Ansa) tuttomotoriweb.it

Nel 1929 la sede venne trasferita ad Abingdon. MG Cars, nel 1935, venne assorbita completamente nella Morris. In sostanza le differenze erano relative alla leggerezza e al piacere di guida delle vetture sportive a marchio MG. I componenti meccanici e i motori erano Morris. Questo equilibrio durò sino al 1952 quando la MG fu acquisita dalla British Motor Corporation (BMC). La MG A del 1955 e la MG B del 1962 rappresentarono il nuovo corso del marchio.

La Magnette, versione sportiva della Morris Oxford e la 1100/1300, evoluzione dell’omonima Morris, ebbero un discreto successo di pubblico. L’incorporazione della British Motor Corporation nella British Leyland nel 1968 rappresentò un ulteriore scossone, anche perché lo stabilimento di Abingdon venne chiuso. La MG B uscì di produzione in favore di una sottodivisione della British Leyland, il Gruppo Austin Rover.

Rimaneva il problema legato alla produzione. Dove sarebbe state costruite le vetture? Il marchio non aveva più uno stabilimento di produzione proprio, finendo nel Gruppo Austin Rover. La MG aveva una identità racing ben precisa e i vertici volevano proseguire la produzione con obiettivi ben precisi, ma per produrre auto sportive servivano finanziamenti importanti.

La storia recente della MG

Nel 1988 il governo inglese privatizzò l’intero Gruppo Austin Rover cedendolo alla British Aerospace. Il passaggio a Rover rappresentò una mazzata in una prima fase per gli appassionati della MG. Si optò per vetture di segmenti diversi, come le Rover serie 100, Rover serie 200 e Rover Serie 600. La svolta arrivò nel 1994 con la cessione al gruppo BMW. Nel 1995 il marchio MG tornò con la spider MG F, con il restyling del 2002 la MG-F cambierà nome in MG-TF.

La storia recente della MG
Novità MG (Ansa) tuttomotoriweb.it

Nel 2000 il Gruppo Rover venne scorporato, e i diritti di utilizzo del marchio cambiarono di nuovo proprietà. Nell’aprile del 2005 il Gruppo MG-Rover, in amministrazione controllata, arrestò la produzione. Sembrava la fine ma in soccorso è arrivata la casa cinese Nanjing Automobile Corporation. Le vetture, però, non ebbero un clamoroso successo. Anzi fu un altro tentativo fallito.

Il brand, dal 2007, è nelle mani del colosso cinese SAIC, primo gruppo automobilistico del Sol Levante e protagonista di joint venture con Volkswagen e General Motors. Si è puntato tutto sulla produzione di auto elettriche. Le vetture attuali con lo stile classico ed elegante delle vecchie MG hanno ben poco in comune. Date una occhiata al listino che comprende, naturalmente, anche gli immancabili SUV e crossover.

Impostazioni privacy