Assicurazione bici e monopattini, è arrivata la decisione: la nota ufficiale dell’Unione Europea

L’assicurazione a bici e monopattini continua a far discutere in Italia. Ora arrivano delle novità davvero importanti dal Governo.

Aumentare il livello di sicurezza di tutte le persone che circolano sulle nostre strade, non solo chi è al volante di un veicolo a motore, ma anche quelli che vengono definiti “gli utenti più vulnerabili”, ovvero ciclisti e pedoni. Questo è l’obiettivo numero uno che si è prefisso il Ministro dei Trasporti Matteo Salvini, che si sta muovendo in questa direzione attraverso le modifiche introdotte al Codice della Strada.

monopattini assicurazione
Serve davvero un’assicurazione per i monopattini? – Foto | Canva – Tuttomotoriweb.it

Ancora troppo spesso, però, chi utilizza biciclette e monopattini non sembra sempre rispettare le norme ed è proprio per la loro tutela che si è deciso di rendere obbligatoria la stipula di un’assicurazione anche per loro. Alcuni hanno storto il naso, ma il leader della Lega non sembra essere intenzionato a fare alcun passo indietro.

Assicurazione bici e monopattini: l’Unione Europea prende posizione

L’idea di dover sostenere l’ennesima spesa, questa volta per l’assicurazione bici e monopattini, non piace certamente a nessuno, nonostante l’intento del governo sia quello di tutelare tutti, sia chi li utilizza, sia chi li potrebbe incontrare sul proprio percorso.

Almeno per ora ogni Paese si muove nella sua direzione, anzi in Francia sono arrivati addirittura a proibire con un referendum quelli in sharing, ma per cercare di dirimere una questione che resta importante non poteva che intervenire un organismo al di sopra di tutti.

L’esecutivo pur di difendere la propria posizione ha sottolineato di essersi mosso prendendo spunto da una Direttiva dell’Unione Europea, che ritiene importante muoversi in questa direzione. Del resto, la sottoscrizione di una polizza simile avrebbe un costo solo di poche decine di euro, quindi non impatterebbe di molto sul bilancio di ogni famiglia.

e-bike mercato
Il mercato delle e-bike cresce sempre di più – Foto | Canva – Tuttomotoriweb.it

Ma è davvero così? L’ANCMA, ovvero l’Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori, è di diverso avviso e ci ha tenuto a precisarlo, soprattutto ora che il provvedimento non è ancora entrato in vigore. “Dall’Europa non arriva nessun obbligo per bici ed e-bike” – si legge in una nota diramata sull’argomento.

La polizza sarà davvero necessaria?

L’Associazione ha voluto provare a rassicurare quei cittadini che appaiono preoccupati all’idea di sostenere l’ennesima spesa, a maggior ragione in un periodo come questo in cui ci si trova ad avere a che fare con il salasso continuo del carburante. Quasi tutti stanno arrivando a tagliare il superfluo, ma difficilmente questo può riguardare i mezzi adatti a spostarsi.

E’ proprio per questo che l’idea di sottoscrivere l’assicurazione bici e monopattini viene ritenuta come un’ingiustizia, soprattutto da parte di chi li ha acquistati ritenendoli utili per percorrere distanze piuttosto brevi.

Il mercato che riguarda e-bike e monopattini sta vivendo però una fase di importante crescita (più di 5,5 milioni di biciclette elettriche vendute nel 2022), proprio per questo si teme che l’entrata in vigore del provvedimento possa generare problemi agli addetti ai lavori.

“La bozza del decreto di recepimento non fa riferimento ad alcun obbligo assicurativo per le biciclette a pedalata assistita, né tantomeno per le biciclette muscolari, almeno per come è entrato in Consiglio dei Ministri – si legge ancora nella nota dell’Associazione -. L’obbligo di un’assicurazione per le e-bike non è presente in alcun Stato europeo. Solo l’anno scorso il mercato ha generato un volume d’affari di oltre 3,2 miliari di euro, siamo quindi preoccupati“.

Impostazioni privacy