Bagnaia, la rivelazione che non piacerà a Valentino Rossi: è un’investitura

Pecco Bagnaia si è espresso sul passato della MotoGP, riferendosi alle ultime due decadi. Ecco chi era il migliore per lui.

La MotoGP è in vacanza per la pausa estiva, con i rider che torneranno in pista tra poco meno di un mese. A Silverstone, infatti, si correrà il prossimo 6 di agosto, su una pista dove lo scorso anno si impose Pecco Bagnaia. Il campione del mondo sta facendo un’ottima stagione, anche se alcune cadute nelle prime gare gli hanno impedito di fare il vuoto in classifica in maniera ancor più marcata.

Bagnaia
Bagnaia nel box della Ducati (ANSA) – Tuttomotoriweb.it

Il rider torinese può comunque contare su un buon margine di 35 punti su Jorge Martin e di 36 su Marco Bezzecchi, i quali ci stanno provando a rendergli dura la vita. Il rider riminese ha vinto le sue prime due gare in MotoGP in Argentina ed in Francia, mentre lo spagnolo si è imposto in Germania.

Bagnaia ha messo a referto ben quattro successi, ed è chiaramente colui che è riuscito ad indirazzare il campionato nel migliore dei modi. La Ducati si gode una netta superiorità, che però rischia di far scendere ulteriormente l’interesse verso la top class, che sembra già essere ai minimi storici.

La casa di Borgo Panigale ha una superiorità schiacciante, ed il bello è che non sta davanti solamente con la moto ufficiale, ma anche con i team privati, come dimostrato dai successi di Bezzecchi e Martin, i quali sono molto a loro agio in questa prima parte di campionato, giocandosela alla grande.

Bagnaia, ecco le sue parole sui grandi del passato

La MotoGP è oggi uno sport che attrae il pubblico in maniera minore rispetto al passato, visto che non ci sono più leggende del calibro di Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Casey Stoner e Dani Pedrosa, con Marc Marquez da troppi anni a mezzo servizio. Pecco Bagnaia si è espresso in tal senso a “Speedweek.com.

Casey Stoner
Casey Stoner in azione (ANSA) – Tuttomotoriweb.it

Pecco è convinto che la MotoGP di oggi sia molto valida, ma ha poi toccato un argomento interessante, che riguarda proprio i campioni del passato. Bagnaia, infatti, ha lodato Stoner, da sempre un suo grande idolo, che ha fatto la storia di questo sport qualche anno fa. Ecco cosa ha detto.

Oggi la MotoGP è molto diversa dal passato, da quando c’erano i fantastici 4. Per esempio, i team privati prima non arrivavano neanche all’80% delle prestazioni di quelli che avevano la moto ufficiale, mentre oggi viviamo una situazione che è ben diversa e che è più equilibrata“.

Le persone che seguono questo sport fanno spesso l’errore di guardare al passato e di paragonare i piloti di altre epoche con quelli di oggi. Non posso essere paragonato a Casey Stoner che vinse il titolo mondiale piloti nel 2007 con la Ducati. Se parli con uno che sta iniziando a vedere oggi le corse, sono sicuro che sarebbe molto contento di vedere ciò che faccio in pista. Se invece parli con qualcuno che seguiva i tempi di Pedrosa, Lorenzo, Valentino Rossi e Stoner, ti dirà sicuramente che Casey era il migliore di tutti“.

Impostazioni privacy