Dramma per chi possiede un SUV? Ecco come stanno le cose

I Suv sono sempre state considerate tra le macchine più belle, ma allo stesso tempo tra le più inquinanti al mondo e gli ecologisti le odiano.

Da diversi anni a questa parte si sta parlando in maniera sempre più insistente sul problema legato al mondo dei Suv, delle particolari vetture che devono essere valutate nella loro interezza e che oltre a essere molto affascinanti e gradevoli alla guida, purtroppo comportano seri problemi per l’ambiente.

SUV (AdobeStock)
SUV (AdobeStock)

Gli ecologisti e gli attivisti sono sicuramente molto attivi sulla tematica e purtroppo come in tutti i gruppi non mancano di certo gli scalmanati e violenti che pensano di risolvere tutto con la forza.

Sono stati diversi infatti i luoghi nei quali si sono riscontrati gravi problemi legati alle manovre degli ecologisti più integralisti, con vere e proprie azioni di vandalismo soprattutto negli Stati Uniti.

La motivazione è prevalentemente legata all’emissione di CO2 che questi mezzi sprigionano nell’aria, indubbiamente un dato preoccupante e che deve essere in qualche modo limitato, per questo motivo stanno nascendo sempre più mezzi elettrici.

Gli ecologisti hanno addirittura fatto dei calcoli molto singolari e curiosi, ovvero quelli legati alla possibilità di unire i Suv tutti in un’unica nazione e le emissioni sarebbero state superiori alle 900 milioni di tonnellate di CO2, il che ne farebbe il sesto Paese più inquinante al mondo.

Tra i più integralisti e intransigenti da questo punto di vista ci sono senza dubbio gli ecologisti di Tyre Extinguishers, con questa associazione che prevede addirittura oltre 50 sedi ufficiali sparse nell’interno pianeta.

Alcuni di questi atti vandalici hanno anche un modus operandi abbastanza comune e riproducibile in tutte le varie nazioni, con i proprietari dei Suv che si ritrovano un bigliettino davvero poco simpatico.

Abbiamo voluto sgonfiare alcuni dei tuoi pneumatici. Non arrabbiarti e non avercela con noi, non sei tu il problema, bensì la tua macchina.”

Un messaggio chiaro e lampante, ma che di sicuro non aiuta gli ecologisti a farsi ben volere dalla stragrande maggioranza della popolazione, con gli attivisti che, parere personale, dovrebbero provare a scegliere altre strade.

La guerra tra Suv ed ecologisti: chi la spunterà?

In questo momento sembra esserci una vera e propria guerra alla quale nessuna delle due fazioni sembra avere intenzione di rinunciare e questo porta solamente a dei problemi per le città e per le persone comuni.

I Suv si stanno modificando e stanno trovando la loro giusta collocazione, dato che sono proprio queste le vetture che attualmente si stanno modificando sempre di più verso l’ibrido o ancora meglio verso l’elettrico.

Per quanto possano essere inquinanti, e nessuno lo vuole negare, i Suv sono indiscutibilmente i mezzi automobilistici più sicuri per strada, garantendo l’incolumità dei viaggiatori meglio di qualsiasi altra macchina.

Questo non può essere un dettaglio da sottovalutare, quindi non si deve fare una guerra sul singolo mezzo, ma si deve cercare di incentivare la costruzione e lo sviluppo di questo mezzo sotto nuove forme rinnovabili.

Sarà indubbiamente una lunga battaglia, ma l’obbiettivo è stato già fissato, con il 2030 che dovrà essere l’anno della grande transizione ecologica, con l’elettrico che ora dovrà farla da padrone e avrà così l’occasione di poter mettere a tacere tutte le critiche sui Suv.