La nuova Panda arriva dalla Cina: ecco come sarà (FOTO)

La vettura tipica della classe media italiana, ovvero la Panda, si prepara a sbarcare in Cina con un nuovo look e un nome rinnovato.

E’ lei o non è lei? No, non è lei. Quella che ha fatto il suo debutto in Cina non è la vera Panda che siamo abituati a vedere sulle nostre strade, ma un veicolo creato ad hoc per il mercato orientale grazie al Gruppo Geely. L’azienda asiatica ha acquisito i diritti pure di Polestar e di Volvo.

Fiat Panda (AdobeStock)
Fiat Panda (AdobeStock)

La Panda Mini EV, questo il suo nome dopo una prima fase sperimentale come M2,  sarà disponibile soltanto all’interno dei confini della Repubblica Popolare, nel pieno rispetto della strategia che la contraddistingue da tempo. Esportare il proprio e ridisegnare in modo personale prodotti stranieri, così da non aiutare le economie estere.

Arriva la Panda cinese: ecco le sue caratteristiche

Analizzando nel dettaglio la sua estetica, in termini di dimensioni la vettura ricorda in parte la Smart seppur di poco più grande. Le misure sono infatti 3065 millimetri di lunghezza, 1600 di altezza e 1522 di larghezza. A differenza di quello che si potrebbe immaginare, gli interni sono piuttosto spaziosi. Quattro sono i posti a disposizione per due porte. L’ingombro è ridotto all’osso.

Le forme, sono particolari, con un profilo squadrato che rende la macchina ancora meno ingombrante, e dunque l’ideale per muoversi nelle immense e trafficate città cinesi. Lo stile complessivo è comunque moderno.

Degni di nota in termini di originalità i cerchioni delle ruote che riprendono i tratti delle impronte di un panda. In controtendenza rispetto a quella che ormai è la consuetudine, le linee sono morbide e gli spigoli arrotondati, in modo da assumere un aspetto complessivamente più simpatico e divertente.

Peculiari pure le livree. Tra le tinte a disposizione, rigorosamente pastello, il rosa che conferisce al veicolo un’allure da cartoon, giocoso e dinamico. Ma pure il bianco e nero a richiamare la pelliccia dell’animale.

Dunque, almeno dal punto di vista del look l’autovettura del Paese rosso sembra essere in possesso di tutti gli elementi utili per riscuotere grande successo specialmente tra gli automobilisti più giovani.

Anche il prezzo dovrebbe aiutare la diffusione

Come detto, complice un disegno particolarmente accattivante e con personalità, la Panda cinese si candida ad essere una delle macchine più vendute sul territorio. A giocare a suo favore anche il costo. Stiamo infatti parlando di un mezzo che a listino è davvero economico. Più a buon mercato dell’usato. Per portarsela a casa bastano appena 5400 euro. Al massimo 6800 se la si vuole dotata di tutti gli accessori.

Per chi cerca un’auto in grado di garantire un rapporto qualità/prezzo ottimale è sicuramente un buon investimento.

Infine, sotto il profilo tecnico e delle prestazioni non si sa ancora un granché. Da indiscrezioni si apprende che il motore sarà elettrico, in conformità con le esigenze del mercato attuale. I cavalli erogati dovrebbero essere 40 con batteria al litio ferro fosfato sviluppata dalla Guoxuan High-Tech. L’autonomia garantita dovrebbe essere di 150 km.

Considerato il prezzo piuttosto competitivo e alla portata di un po’ tutte le tasche sarebbe l’ideale anche per l’Italia azzoppa di oggi, ma difficilmente FIAT accetterà di far entrare un cavallo di troia del genere.