Valentino Rossi, l’ammissione su Bagnaia: ecco come stanno le cose

Valentino Rossi ha espresso la sua opinione su Pecco Bagnaia dopo averlo visto correre a Valencia alla vigilia della gara MotoGP.

Sicuramente Francesco Bagnaia sta sentendo della pressione in questo weekend a Valencia ed è normale che sia così. Anche se i 23 punti di vantaggio su Fabio Quartararo sono un bottino abbastanza tranquillizzante, comunque la tensione fa parte del gioco.

Valentino Rossi (Ansa Foto)
Valentino Rossi (Ansa Foto)

Il pilota Ducati sa di non poter commettere errori e che un piazzamento entro la quattordicesima posizione gli andrebbe bene in gara se il rivale della Yamaha dovesse vincere. Il francese può solo vincere per sperare di confermarsi campione del mondo MotoGP.

Nelle qualifiche di Valencia nessuno dei due ha conquistato la prima fila. Quartararo ha conquistato il quarto tempo, mentre Pecco partirà ottavo. Entrambi cercheranno di avere una partenza pulita, ma al tempo stesso di recuperare qualche posizione.

MotoGP Valencia: Valentino Rossi parla di Pecco Bagnaia

In Spagna a seguire da vicino Bagnaia e a supportarlo c’è anche Valentino Rossi, fondatore della VR46 Riders Academy e suo “maestro”, oltre che amico. Lui a Valencia ha perso due titoli MotoGP, nel 2006 e nel 2015, spera che vada meglio al suo “allievo”.

Rossi si è concesso ai microfoni di Sky Sport per commentare la lotta per il mondiale 2022: “Sulla carta è una situazione molto favorevole per Pecco, visto che Fabio può solo vincere. Però è l’ultima gara ed è tosta, anche se hai 23 punti di vantaggio. Ovviamente è meglio che averne 8, però devi finire. Ho provato a parlarci un po’, per capire come stesse psicologicamente. Però lui mi dice che è tutto a posto. Mi dice anche che dorme, ma è impossibile farlo nella notte prima di giocarsi un mondiale. Si dorme al massimo 2-3 ore”.

Valentino ammette di non vedere il Bagnaia di sempre, evidentemente sta sentendo la tensione di essere a un passo dal vincere il titolo: “È contratto, non è il Pecco solito, quello top. Però stavolta non ci serve il Pecco top, anche se dovesse arrivare ottavo andrebbe bene. Lo vedo in una situazione difficile, è una cosa normale e umana. Bisogna ammetterlo e fare del proprio meglio”.

Il nove volte campione del mondo si è espresso anche sulla situazione di Quartararo: “La sua è una condizione più facile, perché non ha niente da perdere. A me comunque piacerebbe essere di più in quella di Bagnaia, perché Fabio è costretto a vincere. Per me potrebbe anche farcela a vincere la gara, quindi Pecco deve essere pronto a questo scenario”.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news