Marc Marquez è preoccupato da un aspetto: potrebbe costare caro

Marquez è molto carico per il GP d’Australia: vuole fare nuovi passi avanti a livello fisico e anche tecnico.

In questo fine settimana la MotoGP torna in azione a Phillip Island a distanza di tre anni dall’ultima volta. L’edizione del 2019 fu vinta da Marc Marquez, che in Australia proverà a dare seguito a quanto di buono fatto nelle scorse due gare.

Marc Marquez (Ansa Foto)
Marc Marquez, pilota del team Repsol Honda MotoGP (Ansa Foto)

Quarto a Motegi, quinto a Buriram, il rientro del pilota spagnolo è stato finora positivo. Aver fatto una breve pausa dopo il Gran Premio in Thailandia è stato certamente utile per il suo braccio destro, non ancora al 100% dopo l’ultima operazione. In questo weekend un nuovo banco di prova importante.

Anche la Honda cerca delle risposte, soprattutto in ottica 2023. Assieme all’otto volte campione del mondo cercherà di capire come migliorare la RC213V. Per la prossima stagione è prevista una nuova rivoluzione, dopo quella fallimentare di quest’anno.

MotoGP, Marc Marquez carico per Phillip Island

Marquez è molto felice di tornare a correre in Australia: “Quello di Phillip Island è un circuito fantastico in cui guidare, è molto diverso da quasi tutti gli altri del calendario. Ho fatto molte gare memorabili lì ed è quasi sempre stata una bella battaglia, soprattutto nei primi giri”.

Marc ha trionfato per tre volte a Phillip Island e certamente non gli dispiacerebbe risalire sul podio, però sa che questo fine settimana può nascondere qualche insidia: “Bisogna fare attenzione al clima. Quest’anno sembra che possa esserci molto freddo e con tanto vento, dobbiamo essere attenti”.

Il pilota del team Repsol Honda non si sbilancia sugli obiettivi del GP australiano: “Vedremo cosa sarà possibile fare in questo fine settimana. Ho continuato ad allenarmi e sento che le mie condizioni migliorano giorno dopo giorno. Dopo tre gare di fila, la settimana di riposo è stata molto gradita per me”.

Marquez ammette che le sue condizioni fisiche sono in costante progresso, qualcosa di molto importante nell’ottica di un suo ritorno al top. Difficile dire quando sarà al 100%, però è fondamentale che senta di aver intrapreso la strada giusta. Un anno fa avvertiva che c’era qualcosa che non andava e ha avuto bisogno di un’altra operazione per tornare a sognare di essere di nuovo il numero 1 della MotoGP. Vedremo se riuscirà nel suo intento.