MotoGP, Bagnaia non pensa a Quartararo: questo è il suo vero obiettivo

Delusione cocente per Pecco Bagnaia, nelle qualifiche del Gran Premio del Giappone, con il dodicesimo crono nel Q2. Domani dovrà fare un mezzo miracolo.

Qualifica non facile per Pecco Bagnaia. Il torinese non è riuscito a fare la differenza, non trovandosi a proprio agio con la moto. Difficoltà ad “accendere” la gomma. Due diverse tarature su due moto diverse non hanno aiutato, nonostante la grande chance di giocarsi la possibilità di avere un piano B in Q2. Gli avversari hanno fatto, davvero, la differenza con un ritmo straordinario sul bagnato. Le difficili condizioni meteo hanno rimescolato le carte, portando in avanti la Honda di Marc Marquez. Davvero fenomenale il centauro catalano che è tornato a marcare una pole position, oltre mille giorni dopo l’ultima volta.

Pecco Bagnaia (Ansa Foto)
Pecco Bagnaia (Ansa Foto)

Pecco Bagnaia ha fatto una fatica assurda, soffrendo tantissimo nei primi tre settori della pista di Motegi. Il torinese non si è riuscito a schiodarsi dalla dodicesima posizione. Alle spalle di Marc Marquez, in pole position, ha trovato il feeling migliore sulla Ducati l’esperto Johann Zarco. Il francese, straordinario nel Q1, si è ripetuto in Q2, trovando la prima fila, al secondo posto, proprio davanti alla KTM di Brad Binder. Maverick Vinales apre la seconda fila, prima delle Aprilia, davanti a Jorge Martin e Aleix Espargarò. In caso di gara asciutta, i tre contendenti alla corona iridata non partono nelle migliori condizioni di classifica. Se Aleix è sesto, non è andata bene a Fabio Quartararo nono. Questo è un aspetto positivo per Bagnaia che avrà i contendenti al titolo non troppo lontani. Non sarà facile, naturalmente, partire dalle retrovie. Pecco è stato l’ultimo del Q2, non trovando il feeling nemmeno nell’ultimo tentativo. Sull’asciutto, però, Bagnaia ha fatto la differenza e dovrebbero esserci tutte le condizioni per assistere ad una gara soleggiata.

I big, nel turno di prove di ieri, hanno dimostrato di avere il passo per stare avanti. Vi sarebbero tutti i presupposti per fare una grandissima rimonta. Sostanzialmente Pecco deve augurarsi che possano ripetersi le stesse condizioni delle maxi prove libere di ieri che hanno portato le due Ducati nelle prime due posizioni. Marc, sull’asciutto, potrebbe avere delle difficoltà di tenuta fisica, così come Binder e gli altri che hanno chiuso sul bagnato nelle prime file. La griglia rimescolata renderà la gara molto viva e potrebbe essere aperta ad ogni risultato. Un rischio ma anche una possibilità di poter ottenere un risultato che potrebbe significare leadership nel mondiale. Affinché il sorpasso in graduatoria avvenga in Giappone, Bagnaia dovrebbe trionfare con Quartararo giù dal podio. Ducati, pronti gli ordini di squadra? Spunta un retroscena clamoroso.

L’amarezza di Pecco Bagnaia

In classifica piloti, infatti, Fabio Quartararo è sempre primo con 211 punti, ma con un residuo vantaggio di 10 punti. L’incidente di Aragon con Marc Marquez ha ferito il morale del campione del mondo che dovrà sfruttare l’occasione in Giappone. Pecco si è portato a 201, dopo il secondo posto in Spagna, davanti ad Aleix Espargarò, su Aprilia, a quota 194 punti. Enea Bastiani è più staccato, al quinto posto a 163, con un vantaggio di una trentina di punti sulla coppia Ducati, Miller e Zarco. Per il Bestia la gara sarà in salita, non avendo passato il taglio in Q1. Pecco dovrà, naturalmente, prestare le attenzioni maggiori ad Aleix e Fabio. L’Aprilia è sembrata convincente sulla pista giapponese, a prescindere dalle condizioni metereologiche. Ecco gli orari delle gare del Motomondiale.

Subito dopo le qualifiche, il vice campione del mondo della Ducati alla stampa ha dichiarato: “Quest’anno non abbiamo avuto molte opportunità di guidare sul bagnato, ma dobbiamo scoprire cosa succede. So che il mio livello è molto più alto in queste condizioni. La strategia è spingere. Cercherò di sorpassare più piloti possibile nei primi giri“. Il pilota della Ducati dovrà correre molti rischi nei primi giri. Abbiamo visto, anche nel GP di Aragon, quanto possa risultare rischioso partire nel gruppone. Il campione del mondo Fabio Quartararo non è riuscito ad evitare un crash terribile, al primo giro, con Marc Marquez.

Pecco Bagnaia dovrà ponderare bene le sue prime azioni. Il campionato mette in palio ancora 125 punti, ma un errore potrebbe avere una incidenza pesantissima in questa fase della stagione. Già lo scorso anno, a Misano, una caduta ha spento i sogni di gloria del centauro torinese. In merito all’obiettivo finale del GP, Pecco ha aggiunto: “Il mio obiettivo è vincere. Il mio primo obiettivo non è superare Fabio, ma vincere. Con questa prima curva partire 12° non è l’ideale. Cercherò di non sbagliare e di iniziare al meglio“.