Incredibile incidente: Ferrari taglia la strada e fa un disastro (VIDEO)

Un bruttissimo incidente è accaduto in Autostrada, con una Ferrari che ha tagliato la strada ad una Nissan GT-R. Impatto devastante.

Guidare una Ferrari e poterla sfruttare al massimo è il sogno di tutti gli appassionati di automobili, ma non solo. Tuttavia, una vettura di questo livello richiede delle precise abilità per essere spinta ad alte prestazioni e non rischiare clamorosi incidenti, e spesso capita che qualcosa possa andare storto se non si possiede l’esperienza necessaria.

Ferrari (AdobeStock)
Ferrari (AdobeStock)

Oggi vi parleremo di una clamorosa carambola avvenuta in Autostrada, che ha visto coinvolte una 458 Italia ed un’altra supercar che di certo non ha bisogno di presentazioni, la Nissan GT-R. La Rossa è una vettura eccezionale, che nella sua versione GT2 ha vinto di tutto nel mondiale endurance ed alla 24 ore di Le Mans, ma anche il gioiello giapponese ha trionfato per tante volte nel Super GT giapponese nella sua tenuta da gara.

Per quello che riguarda le versioni stradali, la Ferrari 458 Italia è stata presentata nel 2009 ed è uscita dalla produzione nel 2015, sostituita dalla 488 GTB, che ha introdotto l’era del turbo. La 458 è infatti l’ultima vettura del Cavallino appartenente a questo segmento che ha puntato sul V8 aspirato, con 570 cavalli di potenza massima a 9 mila giri.

Grazie ad un sistema frenante della Brembo simile a quello della F1, la vettura è in grado di ridurre in maniera incredibile gli spazi di staccata, segnando uno stacco netto con la precedente F430. Dotata di trazione posteriore, la 458 è in grado di raggiungere i 325 km/h, e sul mercato ne erano disponibili diverse versioni.

La 458 Italia, la Spider, la 458 Speciale e la Speciale A per quanto riguarda quelle stradali, mentre la 458 Challenge e la GT2 sono state utilizzate sui circuiti di tutto il mondo per le gare sportive. In particolare, la versione GT2 si è imposta in ben due occasioni a Le Mans grazie al team AF Corse, con il quale ha vinto anche tre titoli costruttori nel FIA WEC e due tra i piloti.

La Nissan GT-R venne presentata tramite due prototipi, il più estremo dei quali fu la GT-R Proto del 2005. Quella definitiva entrò in produzione dal 2007, e puntò su un propulsore molto piccolo, un V6 montato anteriormente. La potenza massima è di 480 cavalli, con 315 km/h di velocità massima.

Anche nel caso della supercar giapponese possiamo parlare di varie versioni, anche se più precisamente potremmo affermare che si tratta di evoluzioni: nel 2009 arrivò la GT-R SpecV, seguita dalla GT-R 2011. Altri sviluppi furono quella del 2013, la GT-R Nismo e la GT-R 2016. I due gioielli di cui vi abbiamo appena parlato sono stati protagonisti di un terribile incidente, che però non ha causato danni fisici gravi ai coinvolti.

Ferrari, terribile incidente con una Nissan GT-R

Su un’Autostrada non precisata, è avvenuto un terribile crash tra una Ferrari 458 Italia ed una Nissan GT-R, con quest’ultima che ci ha rimesso moltissimo. Dalle immagini on-board di una vettura che seguiva la scena, si capisce come il guidatore della Rossa stesse guidando a velocità folle, zig-zagando tra una corsia e l’altra.

Il video, caricato sul canale YouTubeMasterCalcioManager“, mostra benissimo la folle manovra compiuta dalla Ferrari, che dalla corsia centrale si sposta all’improvviso verso sinistra, ovvero la zona adibita ai sorpassi. Il conducente della vettura del Cavallino non subisce danni, ma colui che si trovava al volante della Nissan è stato costretto ad una mossa evasiva, perdendo il controllo e rovinando, a propria volta, addosso ad un’altra auto che procedeva nella parte centrale della carreggiata.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Davvero impressionante ciò che si evince dalle immagini, un ulteriore monito ai fortunati che possono permettersi l’acquisto di una supercar di questo livello. Per portare al massimo delle loro prestazioni questi gioielli, è possibile effettuare delle prove in pista, senza dover far rischiare la vita agli innocenti. Per fortuna, nessuno si è fatto male, e non si è saputo nulla sul proprietario della vettura di Maranello, che probabilmente sarà ancora ricercato da chi di dovere.