BMW, beccata in pista la X5 rivista nel frontale: ecco come sarà (VIDEO)

Sul tracciato del Nurburgring Nordschleife, la BMW sta testando la nuova X5 M LCI Facelift, con frontale rivisto e tante altre novità.

La BMW non si ferma nonostante il duro periodo che sta colpendo l’automotive. La casa di Monaco di Baviera è pronta a rinnovare la gamma, ed oggi va parleremo di una X5 rivisitata soprattutto nella parte frontale. Si tratta di un modello iconico, che venne prodotto per la prima volta nel 1999, con la denominazione X5 E53, la cui realizzazione andò avanti sino al 2006.

BMW (ANSA)
BMW (ANSA)

Si tratta di un Suv di Segmento E, che permise ai tedeschi di fare il loro debutto nel comparto delle cosiddette Sport Utility, ovvero una sorta di ibrido (ci riferiamo all’estetica, non alla propulsione). Infatti, l’aspetto esteriore può riportare alla mente quasi un fuoristrada, ma in realtà, sul fronte telaistico, la scocca deriva dall’automotive con interni molto lussuosi e spaziosi, ben diversi da quelli di un normale off-road.

Ovviamente, la BMW ha una forte tradizione legata alla trazione posteriore, e la X sta proprio ad indicare questa caratteristica, che identifica però anche i propri Suv, visto che ne esistono anche altri modelli, come la X1, la X3 e la X6. Tanto per farvi un esempio, la casa bavarese è solita utilizzare una lettera per ogni tipologia di auto, la M indica quelle più sportive inclini alle vetture da corsa e la Z le roadster, come la Z3 e la Z4.

La prima generazione della X5, come già detto, venne prodotta dal 1999 al 2006, per poi essere sostituita dalla E70, dal 2006 al 2013. La denominazione è poi cambiata con la terza serie, andata in produzione dal 2013 al 2018, che è chiamata X5 F15. Un’ulteriore modifica è stata apporta su quella che l’ha sostituita e che è attualmente l’ultima versione prodotta, vale a dire la quarta serie, la X5 G05.

Le ultime X5, infatti, si basano su quella che è la Serie 5, ovvero la berlina e la station wagon da cui questo Suv trae ispirazione sul fronte di molti componenti, sugli interni ed anche sulle forme della carrozzeria, che poi sono state ovviamente adattate a quelle di un fuoristrada.

BMW, ecco la nuova X5 M spiata al Nurburgring

La BMW e le case automobilistiche tedesche più famose, come l’Audi e la Mercedes, è solita testare i propri nuovi veicoli sul tracciato del Nurburgring Nordschleife, vale a dire il famoso Inferno Verde. Gli oltre venti chilometri immersi nella foresta sono il terreno ideale per mettere alla prova tutti i nuovi componenti di una vettura che sta per essere immessa sul mercato, ed in questi giorni è stato pizzicato un nuovo gioiello.

La casa di Monaco di Baviera è pronta al lancio, che avverrà nella prima parte del 2023, della nuova X5 M LCI, che si contraddistingue per un Facelift, ovvero un rifacimento del frontale, rispetto al precedente modello. Come al solito, il canale YouTube CarSpyMedia” non si è fatto sfuggire la possibilità di immortalare le immagini del nuovo bolide, che potrete ammirare nel video postato in basso.

Dalle immagini si può gustare il sound del nuovo motore V8 biturbo da ben 600 cavalli e 4,4 litri. La lettera M sta proprio ad indicare l’anima sportiva di quest’auto, che è una chiara evoluzione rispetto alla X5 classica che ha delle prestazioni inferiori, seppur ottime. Al posteriore, la nuova versione può vantare su dei fari totalmente rivisti e nuovi parafanghi, ma è soprattutto davanti che si notano le maggiori novità.

Infatti, la griglia è stata rivista e modificata, con fari leggermente ridotti rispetto alla versione precedente, con alcuni dettagli che ricordano la XM. Per quanto riguarda l’immissione sul mercato, ci sono voci contrastanti. C’è chi parla della fine del 2022, ma la data più probabile è la prima metà del prossimo anno. Per il momento, gustatevi le immagini di questo nuovo gioiello che romba su una delle piste più difficili e pericolose di tutto il mondo.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo