F1, rivoluzione nel 2023: la Red Bull ha una grande preoccupazione

La F1 cambierà alcune regole nel 2023, per poi affrontare una sorta di rivoluzione alle power unit nel 2026. La Red Bull è dubbiosa.

Il consiglio mondiale della FIA ha stabilito alcuni importanti cambiamenti per il futuro della F1. Nel 2023 infatti, le monoposto verranno alzate di 15 mm rispetto a questa stagione per combattere il porpoising, ma si è arrivati a questo compromesso dopo un lungo braccio di ferro tra le varie squadre.

F1 Red Bull RB18 (LaPresse)
F1 Red Bull RB18 (LaPresse)

Inizialmente, era stato proposto, principalmente dalla Mercedes, un innalzamento di 25 mm, che poi è stato abbassato a 15. Ricordiamo che nella prima parte di questa stagione, il team di Brackley era stato obbligato a lungo ad alzare la vettura per evitare che ci fossero troppi rimbalzi, e questo è un qualcosa che ovviamente va a rallentare la monoposto.

Quando si alza l’auto, si perde carico aerodinamico, e le più danneggiate saranno Red Bull e Ferrari, le quali hanno sempre potuto viaggiare con altezze da terra molto ridotte non perdendo downforce. Come abbiamo già spiegato in un altro articolo, la F1 ha ufficializzato anche altre importanti novità che riguarderanno le power unit, ma che entreranno in vigore dal 2026.

L’MGU-H, come si immaginava, verrà totalmente eliminata, mentre il carburante utilizzabile in gara non sarà più superiore ai 100 kg, ma ne dovranno bastare circa 70-80 per finire una gara. Ciò significa che le unità propulsive diverranno molto più efficienti, con la parte elettrica che dovrà sprigionare il 50% della potenza, così come quella termica, che attualmente ha un rapporto nettamente a suo favore.

La Red Bull dovrebbe legarsi alla Porsche nel momento in cui i regolamenti sulle power unit andranno a cambiare, ma per il momento si resta concentrati su quello che è il presente o il futuro più vicino. Dal 2023 infatti, l’alzamento delle altezze da terra potrebbe portare profondi cambiamenti, e Christian Horner ha spiegato ciò che può aspettarsi da quanto accadrà nei prossimi mesi.

F1, Christian Horner fa luce sulla prossima stagione

La F1 sta per terminare la propria pausa estiva, e la settimana prossima si scenderà di nuovo in pista per il Gran Premio del Belgio. La Red Bull e Max Verstappen dovranno soltanto controllare il grande vantaggio sulla Ferrari e Charles Leclerc in questa seconda parte di stagione, ma il team principal Christian Horner guarda già al 2023 ed ai nuovi regolamenti.

Il manager britannico ha concesso un’intervista a “RacingNews365“, dichiarando: “Le nuove regole rappresentano una sorta di compromesso, un qualcosa a cui dovremo adattarci per forza durante la prossima stagione. Abbiamo dato il nostro feedback sul porpoising, ma comunque si è deciso di cambiare. Mi auguro che per noi non sarà un grosso problema, ma non posso dirlo al momento. Vedremo quali saranno le conseguenze ed i vantaggi, ma ciò che è certo è che si tratterà di un cambiamento aerodinamico molto importante“.

Horner ha aggiunto: “Dovremo affrontare le varie cose che avverranno e cercare di risolvere eventuali problemi che potrebbero presentarsi. Sarà una nuova sfida, un grande cambiamento come ho già detto, ma in F1 devi sempre farti trovare pronto. Non è così male rispetto ai 25 mm di innalzamento che si erano proposti come idea originale, ma è un compromesso e tutti partiremo dalle stesse condizioni. 15 mm non sono pochi, ma è chiaro che sarebbe potuta andare peggio“.

Nel frattempo, le squadre dovranno affrontare un altro cambiamento sin dalla prossima settimana, visto che a Spa-Francorchamps debutterà la nuova direttiva tecnica, la TD39, per controllare il porpoising e le flessioni dei fondi. Tutti temono che la Mercedes possa iniziare davvero a far paura, ma c’è davvero da augurarsi che ciò non accada.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Se davvero Lewis Hamilton e George Russell dovessero dar battaglia a Max Verstappen o alle Ferrari, significherebbe che il cambiamento di regole in corsa ha cambiato tutte le carte in tavola. Per conoscere la verità, basterà aspettare soltanto un’altra settimana.