Verstappen insaziabile: sentite cosa ha chiesto alla Red Bull

Max Verstappen è pronto per il Gran Premio del Belgio, che si disputerà tra meno di due settimane. Ecco le parole dell’olandese.

La seconda parte di stagione per quello che riguarda il mondiale di F1 targato 2022 è ormai alle porte. Max Verstappen è in volo verso il secondo titolo iridato consecutivo, grazie agli 80 punti di vantaggio su Charles Leclerc. La Red Bull ne può gestire ben 97 sulla Ferrari, che a sua volta dovrà far attenzione a preservare il proprio secondo posto dagli assalti della Mercedes, attardata di sole 30 lunghezze dalla Scuderia modenese.

Verstappen (ANSA)
Verstappen (ANSA)

Super Max ed il team di Milton Keynes sono stati perfetti nel rintuzzare l’assalto del Cavallino nella seconda metà di luglio, dopo che Leclerc e Carlos Sainz avevano rialzato la testa con le vittorie in Austria ed in Gran Bretagna. Il clamoroso errore di guida del monegasco al Paul Ricard e la folle strategie attuata a Budapest hanno spalancato le porte al dominio della RB18, guidata però in maniera celestiale dal figlio di Jos.

Verstappen è infatti riuscito nell’impresa di vincere partendo decimo in Ungheria, con una gestione delle varie fasi di gara a dir poco perfetta. L’olandese, al contrario di quanto avrebbe fatto sino a qualche anno fa, ha avuto pazienza nel corso della sua risalita, evitando di rischiare troppo alla partenza ed attaccando sempre al momento giusto.

La Red Bull ha gestito al meglio le strategie, pugnalando a morte una Ferrari che da quel punto di vista non ne ha azzeccata mezza in questa stagione. Il team di Milton Keynes si gode giustamente questa pausa estiva da leader incontrastato del Circus, e da Spa-Francorchamps in poi l’obiettivo sarà quello di allungare ulteriormente in classifica.

In Belgio, lo scorso anno l’orange piazzò la pole position vincendo poi la gara, ma di fatto il Gran Premio non si disputò per via del diluvio e vennero assegnati punteggi dimezzati dopo soli due giri trascorsi in regime di Safety Car. Quest’anno, Super Max è il grande favorito, visto che l’efficienza aerodinamica della sua Red Bull dovrebbe dare una bella spinta sui lunghi rettilinei delle Ardenne.

Verstappen, chiesto un altro step alla Red Bull

Max Verstappen è ormai un vero e proprio perfezionista, che non si accontenta di vincere. Lui vuole che le cose procedano sempre per il verso giusto, e Franz Tost, team principal dell’AlphaTauri, lo ha recentemente paragonato ad un certo Michael Schumacher per il mix di talento e meticolosità che mette in campo ogni qualvolta che va in pista.

A tal proposito, il campione del mondo può raggiungere un record appartenente al Kaiser di Kerpen ed a Sebastian Vettel in questa parte finale di stagione. Michael e Seb sono coloro che hanno vinto più gare in una singola annata, 13 a testa nel 2004 e nel 2013. Sin qui, Verstappen ne ha portate a casa 8 su 13, e con altre cinque affermazioni potrebbe eguagliare quel primato. Si tratterebbe davvero di un qualcosa di storico, anche se oggi ci sono molte più gare rispetto al passato.

Intervistato da “SKY Sports UK“, il campione del mondo ha parlato di quello che si aspetta dalle prossime tappe, chiedendo alla Red Bull di continuare a crescere: “Ci sono sempre cose che puoi fare meglio e voglio sempre analizzare tutto, anche durante le mie vacanze. Non guardo solo a me stesso, ma anche al miglioramento all’interno della squadra. È bello fare una pausa, durante la quale possiamo analizzare di nuovo tutto e vedere cosa si può fare meglio. Speriamo di tornare ancora più forti“.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In seguito, il figlio di Jos è stato interpellato sulla possibilità di raggiungere il record di Schumacher e Vettel, ma non è apparso troppo interessato a tale aspetto: “Naturalmente cercheremo di vincere più gare possibili nella seconda parte di stagione. Ma mantenere la leadership nel mondiale è più importante. Questo è quello che dovremo fare“.