F1, incredibile occasione per i fan: la pista sarà in un noto videogame

La pista di Singapore è entrata a far parte del calendario di F1 nel lontano 2008. Da oggi sarà possibile usarla in un videogame molto amato.

Nel 2007, venne ufficializzato l’ingresso della pista di Singapore nel calendario di F1 per la stagione successiva. Si tratta di un circuito cittadino che non è mai variato nel tempo, ma che all’epoca rappresentò una vera e propria rivoluzione. Nel settembre del 2008 infatti, si corse la prima gara in notturna, un qualcosa che non era mai capitato nella storia della massima formula.

F1 Singapore (ANSA)
F1 Singapore (ANSA)

La prima edizione vide la Ferrari di Felipe Massa partire dalla pole position, seguita dalla McLaren di Lewis Hamilton e dall’altra Rossa di Kimi Raikkonen, campione del mondo in carica ma protagonista di una stagione non troppo positiva. Il brasiliano era staccato di un punto dal britannico, e nella notte di Marina Bay era proprio il sorpasso mondiale.

Tuttavia, quell’edizione divenne una delle gare più devastanti per i tifosi della Ferrari, con Massa che perse il mondiale al pit-stop, ripartendo con il bocchettone ancora attaccato e finendo in fondo al gruppo. Il sistema di rifornimento in gara venne bandito dalla F1 alla fine dell’anno seguente. Quella fu la domenica del crash-gate di Nelson Piquet e del ritorno alla vittoria della Renault con Fernando Alonso, ma il tutto costò molto caro al team di Enstone.

La Ferrari vinse per la prima volta a Singapore nel 2010, proprio con lo spagnolo, che si impose per appena due decimi sulla Red Bull di Sebastian Vettel. Il tedesco, passato alla Ferrari nel 2015, dominò quell’edizione a bordo della Rossa, dopo aver fatto segnare la prima pole position della sua carriera a Maranello.

A Marina Bay, la Ferrari ha vinto l’ultima edizione disputata, proprio con Vettel nel 2019, che trionfò davanti a Charles Leclerc. A causa della pandemia di Covid-19, questa gara non è più stata effettuata nelle ultime due edizioni, ma tornerà a dare spettacolo il prossimo 2 ottobre. Negli ultimi giorni è arrivata una fantastica notizia per gli appassionati di motorsport e di videogame, di cui ora vi andremo a parlare.

F1, la pista di Singapore in Modern Warfare

La F1 è sempre stata molto vicina al mondo dei videogiochi, con una serie di simulatori di guida che esistono sin da quando venne al mondo la Playstation, o anche altre piattaforme come l’Xbox. Tuttavia, per i fan del mondo virtuale c’è una notizia davvero incredibile, che difficilmente sarebbe stata immaginabile.

La pista di Singapore, che dal 2008 ospita una gara in notturna del mondiale di F1, sarà disponibile su Modern Warfare 2, legato alla saga di Call of Duty. Il videogioco viene sviluppato da Codemaster ed EA, ovvero coloro che si occupano anche della realizzazione del gioco dedicato alla massima formula.

Infinity Ward ha pubblicato un video teaser nel quale si può intravedere benissimo il tracciato di Marina Bay, e tutto ciò fa ben capire le intenzioni di Liberty Media. La volontà e quella di rendere il Circus più vicino a tutti, far scoprire la massima categoria del motorsport a persone che non l’hanno mai seguita, anche nel modo più stravagante possibile, piazzando una missione all’interno di un tracciato.

Come detto, il Circus tornerà a dare spettacolo in notturna il prossimo 2 ottobre, e quella di Singapore è sempre stata una delle gare più incerte dell’intera stagione. Da percorrere ci sono ben 61 giri, a temperature altissime e con l’umidità che sale alle stelle nel corso della serata.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Non mancano mai le variabili, come gli incidenti, la Safety Car ed in qualche caso anche la pioggia. Con le nuove monoposto ad effetto suolo, che sono di dimensioni molto grandi e con un peso maggiorato rispetto al passato, il rischio di colpire qualche muro o di perdere il controllo alla guida è ancora più grande, e lo spettacolo non mancherà di certo. Ormai mancano meno di due mesi.