Ferrari, quante critiche per Mattia Binotto: un ex pilota lo terrorizza

Ancora parole non dolci all’indirizzo di Mattia Binotto: il Team Principal della scuderia di Maranello, sta davvero rischiando.

A quanto pare, l’opinione pubblica stavolta è molto unita. I piloti c’entrano ben poco, in questo Mondiale, se c’è una cosa che sta facendo perder punti alla Ferrari, quello è il box. Lì dove si devono prendere decisioni anche in pochi secondi, qualcosa non ha funzionato in diversi GP di questo campionato, finendo per penalizzare i piloti, Charlese Leclerc su tutti. Persino Russell ha ammesso di avere serie preoccupazioni per il monegasco, ma questo non aggiusta le cose. Piuttosto ci vuole una sterzata fulminea, prima che si possa peggiorare.

Mattia Binotto Ferrari (Ansa Foto)
Mattia Binotto Ferrari (Ansa Foto)

Eppure sono veloci. Le vetture rosse, in Qualifica, hanno regalato diverse gioie a Charles ed al suo compagno, Carlos Sainz, ma di vittorie finali ne sono arrivate solo quattro, tre del monegasco ed una dello spagnolo. Non male, ma riguardando le Gare, si sarebbe potuto fare di più. E qui, sono inevitabili le prime polemiche. In scuderia stanno sbagliando troppo, qualche testa dovrà saltare?

Mattia Binotto al centro delle critiche, lascerà?

Il cambio gomme ungherese per il povero Leclerc è stato solo l’apice di un campionato che arrivato a metà, ha già fatto vedere troppi errori da parte di chi è al muretto per rendere le gare, più facili per i piloti. Non è certo la prima decisione da rivedere, in casa delle Rosse e soprattutto non è neanche la prima per quanto riguarda il tema delle gomme. Già a Monaco, soste e cambi sbagliati, avevano dato dei vantaggi alle due Red Bull, che finirono prima e terza.

Lì, fu persino Perez a vincere con Sainz secondo, mentre Verstappen e Leclerc arrivarono rispettivamente, terzo e quarto. Il Mondiale, ad ogni modo, sembra ormai sfumato con Max Verstappen che viaggia ad 80 punti di distanza dal secondo della Classifica Piloti. Tutto questo, porta un nome sulla graticola. Mattia Binotto inizia a vacillare e con lui, parte dello staff.

Nessuna conferma dal team, ovviamente in Ferrari nessuno ha detto che ci siano membri dello staff in pericolo, ma le voci di addetti ai lavori ed esperti di F1, sembrano ormai unilaterali. Dopo che la stampa italiana ha massacrato Binotto, quindi, ancora diversi pareri sono andati nella direzione che il nativo svizzero non vorrebbe, quella di un suo possibile addio. Sicuramente, non è stato clemente con lui, proprio un ex pilota di Maranello, Felipe Massa, ospite su Sky Sports Uk ad Any driven Monday.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Felipe, ricorda di aver conosciuto Binotto quando era ingegnere motorista, ricordando la sua scalata. “Di sicuro è un ottimo ingegnere, sull’aspetto tecnico è senza dubbio al top. – ammette il brasiliano – Mi piace anche come persona, ma i risultati non stanno arrivando come dovrebbero. Devono essere più calmi nelle decisioni, capire cosa sta succedendo perché molti errori commessi all’inizio della stagione in termini di strategia si stanno ancora verificando. Questo non può accadere”. E dopo una partenza ‘soft’, il classe ’81 ci va giù duro: Binotto deve invertire questa tendenza rapidamente, altrimenti potrebbe pagarne le conseguenze“.