Verstappen avvisa Leclerc per la Sprint Race: ecco cosa farà

Max Verstappen si prende la pole position e scatterà davanti a tutti nella Sprint Race del Red Bull Ring. Ecco le sue parole.

Una grande qualifica quella che abbiamo visto sul tracciato del Red Bull Ring, dove si disputa il Gran Premio d’Austria. Le prove libere di stamattina ci avevano mostrato un Max Verstappen quasi irraggiungibile, ma il pomeriggio è stato ricco di colpi di scena, anche se l’olandese è comunque riuscito a primeggiare portandosi a casa il colpo grosso.

Verstappen (ANSA)
Verstappen (ANSA)

Il campione del mondo si è piazzato davanti a tutti per la Sprint Race, girando in 1’04”984, precedendo per 29 millesimi la Ferrari di Charles Leclerc ed 82 Carlos Sainz. Quarto Sergio Perez, che si è beccato ben quattro decimi dal compagno di una squadra molto corta, segno di una differenza mostruosa a livello di performance.

Un peccato per il monegasco, che così come il suo team-mate è stato influenzato senza dubbi dalle bandiere rosse. Nel primo tentativo del Q3, Verstappen aveva fatto segnare il miglior tempo per un nulla su Leclerc, che aveva perso troppo terreno nel primo settore a causa di un piccolo sovrasterzo alla prima staccata.

In seguito, le due Rosse sono tornate in pista ad un paio di minuti dalla fine, ma per due volte la sessione è stata interrotta dalle bandiere rosse. La prima interruzione l’ha causata Lewis Hamilton, finito contro il muro all’inizio del tratto finale, a causa di una perdita del posteriore che ha spedito contro il muro la sua Mercedes.

Enorme la delusione del sette volte campione del mondo, che stava facendo un giro che lo avrebbe portato senza grossi problemi tra i primi quattro, viste le grandi difficoltà di Perez che proprio non riesce a trovare il feeling in questo fine settimana. In seguito è stato George Russell a finire contro le protezioni, stavolta all’uscita dall’ultima curva. La sensazione è che i due alfieri del team di Brackley abbiano sentito eccessivamente l’odore del sangue, tentando di dare oltre il 100% e pagando la loro aggressività a caro prezzo.

Leclerc e Sainz hanno così effettuato un out lap senza poter sfruttare pienamente la gomma nuova, cosa che poi si è fatta sentire nel giro decisivo. Entrambi i piloti della Ferrari hanno infatti migliorato pochissimo nei settori più guidati, quelli dove è necessario avere un buon grip.

Tutto sommato, si può essere abbastanza soddisfatti nel box della Scuderia modenese, visto che questa pista era totalmente indicata per la RB18 e la pole position è stata mancata per un nulla. Va detto che la Red Bull è una monoposto che si esalta in gara, per cui tutti sarà da valutare poi sulla durata.

Domani si correrà la Sprint Race, che l’olandese ha già vinto quest’anno ad Imola. Per il campione del mondo si tratta della terza pole stagionale, dopo quelle proprio di Imola e del Canada. L’iridato ha sempre convertito il miglior tempo nelle qualifiche in vittoria, ma la Ferrari sa benissimo che dovrà fare di tutto per avere la meglio.

Verstappen, ecco il suo commento alla pole position

Max Verstappen ha fatto il fenomeno per l’ennesima volta, prendendosi la terza pole position stagionale. Non è una grande notizia per la Ferrari, principalmente per due motivi: la Red Bull, da Baku in poi, ha ottenuto sempre delle partenze migliori rispetto alla Rossa, quindi salire in cattedra allo spegnimento dei semafori non sarà di certo facile per Charles Leclerc.

Altra motivazione è quella della velocità di punta, cavallo di razza della RB18 che potrà così puntare a difendere il comando delle operazioni. Verstappen ha fatto la differenza anche rispetto a Sergio Perez, che comunque dovrà anche incontrare i commissari per chiarire un fatto curioso: nel Q2, il messicano si è qualificato grazie ad un’uscita dai track limits in una curva dove non ci sono i sensori, per cui sarà una situazione molto particolare.

Super Max ha poi commentato quella che è stata la sua qualifica: “Grande giro nel Q3? Si, è stata molto lunga come qualifica con le interruzioni ed in questi casi non è mai facile, non è bello perché le gomme risultano molto difficili da portare in temperatura su una pista impegnativa dove non è facile azzeccare il giro. Le curve sono complicate ed i io sono contento per la pole, ma so che i punti ce li giochiamo domani e domenica. A Silverstone ho avuto una giornata difficile, ci sono tantissimi punti in palio“.

Il campione del mondo ha poi affrontato l’argomento relativo alla gara di domani, dove vuole prendersi la vittoria e la partenza dalla prima posizione per la gara di domenica: “Approccio alla prima se sarò aggressivo? Abbiamo una grande macchina e la qualifica non è il nostro punto di forza, sono molto fiducioso per la nostra macchina. I tifosi? Sembra quasi la mia gara di casa, è incredibile vedere questa folla e tutto questo sostengo, sono tanti anni che vengo qui e trovo questa folla. Spero di poterlo convertire in un grande risultato, mi danno tantissimo e voglio che si divertano“.